Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Se Vittorio Sgarbi diventa Presidente del MART

Se Vittorio Sgarbi diventa Presiden…

O lo si ama, o lo si odia...

DAJE MATTE’

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Sa...

Game of Thrones: 3 motivi per non farne a meno

Game of Thrones: 3 motivi per non f…

NO SPOILER! L’attesa è f...

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con conse…

E’ quasi passato un anno ...

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTEL CON LA VOSTRA CULTURA?

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTE…

Pagare con la cultura? Or...

INTERVISTA A MAX MATTEI

INTERVISTA A MAX MATTEI

Appassionato sin da giova...

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Giornata mondiale della consapevole…

"Anche se per me è diffic...

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane ch...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Prev Next
A+ A A-

La stagione degli uragani

Copertina del libro "La stagione degli uragani" di Alessandro Clericuzio Copertina del libro "La stagione degli uragani" di Alessandro Clericuzio

Docente di Lingua e letteratura angloamericana all'Università di Perugia, Alessandro Clericuzio ha recentemente pubblicato un libro dal titolo La stagione degli uragani, un romanzo che si legge tutto d'un fiato e che ha suscitato – per ora – l'interesse della rete: in meno di un mese la versione on-line ha superato le mille visualizzazioni.

"Dove son finite le tue mani, erano dei fragili uragani, troppo dolci per far male" A. Mannarino Amba Aradam Gli argomenti, d'altronde, sono accattivanti: una ragazza madre che nel 1969 fugge dal paese dopo aver subìto una violenza. Negli anni successivi, uno dei suoi figli vivrà con un altro uomo e il figlio di lui, la figlia sposa un uomo violento, il terzo figlio, affarista e calcolatore, ha una moglie splendida, ma scoprirà che non gli basta. Lucia, la protagonista, è un inno all'amore, sia nei confronti del marito, sia nei confronti dei figli, un amore a tratti un po' idealista, ma senza dubbio molto puro e spirituale. Un approccio nei confronti della vita che Lucia e il marito in qualche modo trasmettono ai figli, i quali si ritrovano a fare i conti con questa eredità romanticheggiante, difficilmente applicabile ai rapporti della loro generazione. Ma tentano in ogni modo di fare i conti con la realtà e di trarne il meglio possibile. Questo accade anche per la figlia Silvia, che scoprirà di aver sposato l'uomo sbagliato, e si ravvedrà in tempo per sfuggire a un femminicidio, avendo forse ereditato dalla madre anche un senso di sottomissione e di vittimismo.

In una girandola di episodi, alcuni profondamente tragici, altri inaspettatamente comici, si avvicendano le storie di questi personaggi e di chi gli gravita intorno, uno spaccato delle vite sentimentali e sessuali della media borghesia romana negli ultimi quarant'anni, comprensivo di vicini misteriosi, tristi coppie malassortite, e sfavillanti notti trasgressive. In uno stile classico, quasi ottocentesco, il narratore ci porta nei meandri delle sensibilità dei personaggi, verso un finale inaspettato e travolgente, proprio come gli uragani del titolo. Il libro è in vendita su ilmiolibro.kataweb.it (11€) e nelle librerie Feltrinelli di tutta Italia (18€).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto