Politica

Il ruolo ed il futuro della Polizia Locale

Il 26 aprile scorso, dalle ore 10,00 alle 13,00, per discutere sul tema: “IL RUOLO E IL FUTURO DELLA POLIZIA LOCALE PER CONTRIBUIRE, DOPO LA PANDEMIA, PER LA RINASCITA CULTURALE ECONOMICA E SOCIALE DELLA SICILIA” si sono incontrati in Webinar, i Dirigenti nazionali e regionali dell’OPL, con i rappresentanti del Partito Democratico (tra cui il Segr. Reg., il Pres. del Gruppo del PD all’ARS) e dell’ANCI nazionale e regionale, con la partecipazione dei rappresentanti OPL delle nove province regionali siciliane, nonchè di altre regioni d’Italia, tra cui i rappresentnati OPL dell’Abruzzo, del Lazio, della Lombardia, della Puglia, della Toscana e dell’Umbria. 

Il Webinarcondotto dal Segr. Gen. OPL Franco NOTARRIGOmoderato e commentato dal Sociologo ed esperto in comunicazione, Avv. Matteo LICARIè iniziato con gli intervenuti del Presidente dell’ANCI, On. Dott. Enzo BIANCO e del Segr. Reg. del PD e Deputato l’ARS, On.le Anthony BARBAGALLO, per continuare subito dopo con le proposte OPL di riforma della L. 65/86 e della L.R. 17/90, esposte, rispettivamente, dal Pres.te Naz. OPL, Cav. Prof. Antonio BARBATO e dal Pres.te Reg. OPL Dott. Salvatore Correnti. 

Subito dopo si è proseguito con gli interventi del Vice Pres. dell’ANCI Sicilia, Dott. Paolo AMENTA, nonchè delCons. Naz. ANCI. Dott. Lanfranco ZAPPALA’ e del Cons. Naz. ANCI, Claudio NICOLOSI. 

Tra i tanti e diversi colleghi partecipanti al Webinar, al fine di esporre le loro esperienze e per fornire ulteriori elementi di valutazione sulla necessità di un urgente intervento di riforma delle vigenti e vetuste leggi dei legislatori nazionali e regionali,  hanno preso inoltre la parola il Com.te PLM di Salemi, Diego MURACA Com.te PLM di Acireale, Dott. Antonio MOLINO e il Com.te PLM di Tremestieri Etneo, Carmelo D’URSO.

il Presidente dell’ANCI, On. Dott. Enzo BIANCO, ha riferito ai partecipanti che a seguito di un Suo incontro (avvenuto nei giorni scorsi e durato a lungo) con la Ministra dell’Interno e Prefetto, Dott.ssa Lamorgese e con il nuovo Capo della Polizia, Dott. Giannini, con i quali si è intrattenuto per parlare del tema, sotto vari aspetti, delle Polizie Locali e, in primo luogo, del problema della carenza di personale, ridotto oramai al minimo storico (come avvenuto per il Corpo di PLM di Catania, che dagli anni 90, epoca in cui era stato Sindaco della Città di Catania, ad oggi è passato da 1000 a circa 300 unità e con un’età media di circa 58 anni).

Da queste considerazioni e da altre ancora, ha fatto presente alla Ministra Lamorgese e al Capo della Polizia Giannini, che occorre procedere urgentemente alla riforma della 65/1986, che tante volte è stata avviata, ma che ha trovato sempre (fin dagli anni in cui è stato anche Ministro dell’Interno), resistenze da parte di altri Corpi di Polizia nazionali, che guardano la Polizia Locale con diffidenza, come se fosse una Polizia di serie “B”, se non di serie “C” (come si usa dire nel linguaggio calcistico).

Nella Sua qualità di Pres.te del Consiglio Nazionale dell’ANCI, ne ha parlato anche all’ultimo C.N. e al Dott. Ragonesi, al quale è stato chiesto di elaborare una riforma che esalti la professionalità degli appartenenti alla Polizia Locale, prevedendo l’indifferibile esigenza della dotazione di tutti gli strumenti che sono indispensabili (dall’accesso alle banche dati e all’uso di strumenti di difesa dai rischi e quant’altro) allo svolgimento pieno delle loro funzioni, così da garantire loro di potere collaborare, a pieno campo, con le altre Forze di Polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button