Politica

Verso cambiamenti concreti e costruttivi

Mentre nuove ondate di COVID-19 stanno colpendo in tutto il mondo, la Giordania sta affrontando una delle sfide più difficili. Sebbene ci sia stato un recente cambiamento di governo, devono ancora esserci segnali positivi di una nuova capacità di affrontare le situazioni critiche che il paese deve affrontare adottando un approccio nuovo e più efficace.
Il nuovo governo avrebbe dovuto essere costruito sulla base delle capacità di gestione delle crisi, ma invece è un modo burocratico tradizionale che è storicamente inefficace nell’affrontare le sfide che la Giordania deve affrontare. Ciò è particolarmente interessante data la Royal Designation Letter, che ha evidenziato la necessità di concentrarsi e affrontare le principali sfide create da COVID-19.
C’era qualche speranza per il nuovo governo come nuovo Primo Ministro Bisher Khasawneh, che era un consigliere di Sua Maestà prima della sua nomina e ha lavorato a stretto contatto con tutti i comitati governativi competenti. Il suo ruolo precedente significava che era in una posizione ideale per identificare, riconoscere e migliorare gli errori del governo precedente, quindi c’erano aspettative che avrebbe adottato un approccio più efficace ed efficiente per gestire la situazione.
L’approccio che dovremmo adottare sta andando avanti con un gabinetto molto piccolo specializzato nella gestione delle crisi e concentrato su quattro questioni principali.
Il primo è il funzionamento efficiente e la sostenibilità del sistema sanitario. COVID ha messo a dura prova il sistema e non solo abbiamo bisogno di un sistema in grado di far fronte ai pazienti aggiuntivi, ma anche di gestire le malattie e le malattie esistenti. Il sistema deve contenere COVID mantenendo il corretto funzionamento del resto del sistema sanitario. Tuttavia, il nuovo governo non sembra dimostrare alcun cambiamento nelle dinamiche o nel ruolo del ministero della salute.
La seconda grande questione che deve essere gestita è l’agricoltura. La sicurezza alimentare deve essere una priorità in una simile crisi. Non sembra esserci una strategia convincente da parte del governo per andare verso la sostenibilità e l’autosufficienza. Non sembra nemmeno esserci una visione o un riconoscimento della criticità di un simile approccio. Ciò solleva ancora una volta interrogativi su ciò che il cambiamento di governo realizzerà effettivamente.
La terza sfida da affrontare è il deterioramento della situazione economica del paese e il suo impatto sulle persone a causa dell’aumento della disoccupazione. Continuare e ripetere gli errori e le decisioni confuse del passato non risolverà questo problema. Se l’approccio del governo precedente non stava funzionando per rilanciare l’economia, o almeno per mantenerla, allora perché le vecchie politiche continuano? Sembra esserci il rischio che gli impatti negativi si moltiplichino, peggiorando ogni giorno e rafforzando l’opinione che non esiste una politica efficace da parte del governo per cambiare le cose.
L’ultima sfida è stata condurre le elezioni durante COVID. Purtroppo, né le elezioni né l’atmosfera elettorale ei risultati sembrano essere stati positivi. In effetti, ci sono diversi indicatori che indicano che qualcosa deve essere fatto per affrontare la sicurezza, la stabilità e la reputazione dello Stato e la capacità dell’intero sistema burocratico di funzionare correttamente.
In tempi come questi, è difficile essere ottimisti, ma è fondamentale che il governo preveda e pianifichi in anticipo con una visione per il futuro per affrontare la situazione attuale e portarci avanti verso tempi migliori. La mancanza di esperienza burocratica è qualcosa che nessun sistema politico non può permettersi in un momento come questo. Ciò che serve è un mix tra maturità politica, decisioni sagge e interventi coraggiosi. Per un paese come la Giordania, la vita delle persone è importante, ma è importante non arrivare al punto che le persone soffrono per così tante cose oltre a COVID da creare e alimentare povertà e frustrazione.
Deve esserci un piano con un processo chiaro per riportare la vita alla normalità con soluzioni progressive. I blocchi non sono soluzioni sostenibili e creeranno solo più problemi lungo il percorso.
Riparare prima gli errori richiede il coraggio di ammettere che sono stati commessi degli errori, in particolare quando i segnali sono chiari. È anche fondamentale cambiare le cose prima che le cose peggiorino ancora. La road map deve essere chiara, un piano forte con azioni che le persone possono seguire e vedere che sono i passi giusti verso il risultato che tutti vogliono ottenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button