Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La storia di Dana Alblooshi, la 13enne araba che vuol diventare astronauta

La storia di Dana Alblooshi, la 13e…

Dana Alblooshi, nonostant...

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi Uniti e il primato universitario

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi…

Poco più di 2,5 milioni d...

Dino Buzzati, l’illustratore della parola

Dino Buzzati, l’illustratore della …

Da poco più di una settim...

Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

Prev Next
A+ A A-

IL CODACONS CONTRO IL RADUNO HARLEY A ROMA

IL CODACONS CONTRO IL RADUNO HARLEY A ROMA


Il Codacons ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma in merito al raduno mondiale per il 110° anniversario della Harley Davidson, organizzato nella Capitale nei giorni 13, 14, 15 e 16 giugno.

Interruzione di pubblico servizio, attentato alla sicurezza dei trasporti e lesioni gravi, queste le accuse della nota associazione dei consumatori, che ha contestato anche la benedizione concessa da Papa Francesco agli harleysti   "…trattandosi di un evento di mero marketing avrebbe fatto meglio il pontefice ad evitare di concedere ulteriore pubblicità gratuita al noto marchio di moto, soprattutto in considerazione del danno arrecato dal raduno, alla città e agli abitanti…".

Ma non tutti sono d’accordo, a Roma, raduni ed happening ci sono sempre stati, i bikers italiani si chiedono, perché denunciare solo questo evento?

 

Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata al Codacons dal biker Alberto Reitano.

 

Come al solito non avete perso occasione per farvi riconoscere.

Illuminati da qualche cervellone, siete riusciti a fare un esposto per una cosa ben riuscita e soprattutto senza costi, parlo del 110° anniversario della Harley Davidson. Un evento che ha portato una sferzata di allegria e di unità nella nostra meravigliosa Roma, città splendida in mano a politici senza scrupoli (sia di destra che di sinistra).

Io ho lavorato 20 anni in Piazza delle 5 giornate e posso garantirvi che sono arrivato in ritardo molte volte per i disagi creati dalle feste, in Piazza Venezia, di Polizia, Carabinieri, Vigili Urbani, Esercito..…

Quelle vanno bene perché sono espressione dello Stato, ed i cittadini devono subire, contenti, qualsiasi disagio.

Perché non fate mai un esposto in questi casi, visto che di lamentele ce ne sono sempre tante?

Ve lo dico io perché.

Perché siete ipocriti e incapaci di vivere la vita, sapete solo farvi il nodo alla cravatta, sono fiero di essere considerato un selvaggio, io almeno, ho un’anima ed amici veri, e voi?

Non avendo detto tutto quello che penso neanche vi saluto.

 

Alberto Reitano

Torna in alto