Politica

Non nel mio nome

Non mi interessa chi ha ragione e chi ha torto.
La storia, gli accordi disattesi, gli spazi strategici li conosciamo tutti, non serve essere dei super esperti per capire cosa accade e perché accade, ma la guerra che ci porta indietro di 100 anni no! Il nazionalismo che acceca le menti ed impedisce la valutazione tra costi e benefici no!
C’è una sola parte con cui stare, sono i bimbi. I giovani, le donne, gli uomini. I vecchi e i militari inconsapevoli delle loro azioni, ubriachi di retorica che muoiono senza un perché, senza un senso per un futuro che non esiste.
Nessuno in una guerra si può considerare innocente se non i civili che ogni volta, tutte le volte sono target predestinati per fiaccare il morale degli avversari e perché facili da colpire, questa è la guerra niente altro, lo scrivo perché in passato io c’ero, perché sono stato testimone di una tragedia che nessuna narrazione può trasferire nei cuori della gente se non la si è vissuta.
Pensare che nel 2022 la guerra venga usata come strumento politico per la soluzione di antiche criticità regionali e strategie di difesa tra le potenze egemoni ci allontana dal senso univoco della vita… La pace tra i popoli.
Ma questa è la strada, fermiamo questo conflitto, ognuno faccia pacificamente la sua parte boicottiamo in ogni situazione chi ha determinato la crisi, perché certo non sta’ agendo in solitudine, mandiamo in avaria il suo cerchio magico.
Gli strumenti economici ci sono ma bisogna fare presto ,paralizziamo le risorse che gestiscono e da soli si siederanno ad un tavolo per chiedere un cessate il fuoco.
Ucraina e Russia sono destinati alla Pace ogni altra ipotesi di accordo non può esistere in mio nome cittadino d’Europa.

Sergio Giangregorio

Direttore Responsabile magazine online Convincere. Laureato in scienze politiche e relazioni internazionali. Perfezionato presso L’Università degli Studi Roma 3 in “Modelli Speculativi e ricerche educative nell’interazione multimediale di primo e secondo livello“ Docente universitario a contratto in materie investigative con specifico expertise sulla sicurezza in aree urbane, sulle tecniche di intelligence e di peacekeeping. Esperto di comunicazione in situazioni estreme. Giornalista investigativo ed analista di intelligence, come Ghost writer ha elaborato numerosi studi strategici coprendo tutti i teatri di guerra dai balcani, al vicino oriente seguendo i conflitti in Afganistan, Iraq e nel nord-Africa. Presidente del Centro Europeo Orientamento e Studi – Ente morale di diritto privato per la difesa dei diritti civili. Direttore Scientifico dell'Istituto di Ricerca sui rischi geopolitici Triage Duepuntozero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Check Also
Close
Back to top button