Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Prev Next
A+ A A-

Grazie Polizia

Grazie Polizia

Grazie grazie grazie ragazzi con queste parole il Ministro dell’Interno Marco Minniti ha concluso il suo appassionato intervento per le celebrazioni della festa della Polizia di Stato 2017.

Viviamo tempi difficili ha esordito il Ministro una settimana orribile con una serie di attentati nel mondo in cui si è voluto colpire la quotidianità , la progressiva riduzione logistica nell’organizzazione degli attentati, ha poi portato l’analisi preventiva antiterrorismo alla cosiddetta “Prevedibilità zero“.

Siamo ora solo nella condizioni di prevedere l’imprevedibile, di avere una visione proiettata in avanti verso le azioni che ipoteticamente potrebbero accadere e l’intelligence si trasforma in un processo capace d’immaginare prima il tutto e di saper leggere ogni realtà.

L’antidoto all’imprevedibilità, ha proseguito il Ministro, non può essere che nel controllo del territorio, nella cooperazione tra le forze di Polizia e le Agenzie di Intelligence.

I provvedimenti normativi fino ad ora applicati  come l’espulsione preveniva sono leve importanti ma certamente non sufficienti, rinchiudersi in una fortezza non serve.

Vivere è controllare , non c’è posto più controllato di un luogo vissuto sempre, naturalmente senza limitare la libertà dei cittadini .

Minniti proseguendo il suo intervento ha sottolineato come l’equazione terrorismo/immigrazione sia sempre sbagliata affermando con forza che l’Italia non può subire il fenomeno migratorio dal Nord-Africa, deve, invece, governarlo, non dimenticando neppure la lotta alle mafie come obiettivo primario.

Concludendo il suo interno il Ministro ha mostrato tutta la sua passione per la Polizia di stato e per la legalità spingendosi ad affermare che nei momenti di amarezza e solitudine non c’è cosa più bella se non quella di sentire a fianco il proprio Paese e le donne e gli uomini della Polizia.      

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto