Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Franc…

Libro d’esordio di France...

Donne e Islam: la svolta degli Emirati Arabi Uniti

Donne e Islam: la svolta degli Emir…

Le questioni di genere, o...

Emirati Arabi Uniti alla riunione ministeriale sulla Libia a New York

Emirati Arabi Uniti alla riunione m…

Lo sceicco Abdullah bin Z...

Prev Next
A+ A A-

IL BUSINESS DEL TERRORE

IL BUSINESS DEL TERRORE

Da sempre il rapimento a scopo estorsivo ha rappresentato una delle forme di finanziamento delle organizzazioni terroristiche dal vicino Oriente all' Asia, al Sudamerica ed all' Africa, tutti i gruppi eversivi hanno con successo finanziato le loro attività in questo modo.

Attualmente la Siria viene considerata il paese dove il rischio di essere rapiti è più alto, sia per la totale instabilità politica, sia per il proliferare di bande ed intermediari del terrore che vivono e si arricchiscono procacciando potenziali ostaggi o, spesso, catturando cittadini occidentali da rivendere poi successivamente alle ormai note organizzazioni terroristiche.

La filiera del rapimento avviene mutuando le azioni criminali delle mafie che agiscono nel mondo. Spesso sono le stesse guardie del corpo, assoldate frettolosamente nel teatro di guerra che, allettate da un facile e rapido guadagno, danno utili informazioni alle bande specializzate oppure, agendo in proprio, rapiscono direttamente il soggetto utile.

A questo punto scatta la seconda fase, si tengono nascosti gli ostaggi in un posto sicuro, in genere sempre molto vicino dal luogo del rapimento, e si tratta la vendita con i gruppi che hanno un interesse politico - economico diverso e che sono attrezzati anche per una lunga detenzione degli ostaggi.

Esclusi Stati Uniti e Gran Bretagna, tutti gli altri paesi occidentali alla fine pagano un riscatto per liberare i propri connazionali.

L' intervento efficace dell'intelligence può avvenire soltanto se gli agenti sotto copertura sono da tempo infiltrati sul territorio ed hanno già stabilito numerosi contatti locali. Pensare di intervenire in una seconda fase lascia pochissime possibilità di ottenere risultati utili.

Gli italiani ancora nelle mani dei rapitori in Libia hanno probabilmente subito il descritto percorso e forse sono ancora gestiti dalla criminalità comune, questo può renderci ottimisti sul lavoro dei nostri servizi che potrebbero in questa fase trovare una soluzione positiva.

 

© Riproduzione Riservata

 

(immagine tratta da www.pambianconews.com)

Torna in alto