Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Arte e gioielleria

Arte e gioielleria

Quando arte e gioielleria...

Guerra ibrida

Guerra ibrida

Non ci sarà una terza gue...

Perché il calendario dei Carabinieri è ancora importante?

Perché il calendario dei Carabinier…

Scrittura e arte: abilità...

La storia di Marco e la sorpresa di Raoul

La storia di Marco e la sorpresa di…

Nella serata di ieri, sab...

“Producendo per gli altri, ho trovato me stesso”: intervista a SebastiAn

“Producendo per gli altri, ho trova…

In SebastiAn c’è sempre s...

L'augurio di Buon Natale 2019

L'augurio di Buon Natale 2019

"La musica è arte e a Bol...

La politica nell'era del "no alleati"

La politica nell'era del "no a…

Non vi è dubbio che si st...

PLPL 2019

PLPL 2019

Quest’anno si sono festeg...

“Lose Control? E’ nata in venti minuti, come Piece of Your Heart”: intervista a Meduza

“Lose Control? E’ nata in venti min…

Dopo quest’estate, non se...

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (direttore Catholic Center Giordania): “Religioni e Stati insieme per la fratellanza umana”

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (di…

“Bisogna lavorare insieme...

Prev Next
A+ A A-

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al liceo, capitava che tornassi a casa a pranzo e parlassi con mia madre della giornata, e desiderosa di accettazione sociale, forse, ma anche convinta assertrice dei pareri delle mie amiche del cuore di allora, esprimevo pareri severi su questo o quel compagno di classe. Quello troppo composto, quello a modo, quello per me molto snob - (ma anche forse disadattata - lo snobismo è un grande alibi dei disadattati), troppo ordinario. 

Mia madre allora diceva: "ma lui è contento così". E anche dopo, mi sa anche adesso quando parliamo di mondi, scelte, piaceri sideralmente lontani dai nostri mia madre diceva e dice "lasciala in pace, lascialo tranquillo: lui è contento così". 

Per molto tempo - "lui è contento così" mi ha molto irritato. Di certi pensavo che dipendesse dal fatto che a lei quel così piacesse - un errore, a guardare la sua vita in prospettiva - invece oggi quando mi confronto con vite molto distanti, quella roba li detta con una voce alle volte piana, ferma, quotidiana  - lui è contento così passami l'olio - oppure con una specie di umorismo materno - lui è contento così occheccivoi fare versami un bicchiere di vino - è una cosa che mi rimane dentro, di cui capisco solo da madre? da adulta? boh il senso.

Questo senso ha a che fare con quel concetto junghiano interessante, per gli analisti e per i romanzieri, in particolare - che è il processo di individuazione.  Una cosa che alle volte  - con cipiglio capitalista mi rendo conto - mi viene da chiamare "carriera esistenziale". Come se scrivere di persone quando si fa letteratura fosse la descrizione di una carriera esistenziale che può essere molto lontana dalla tua, e come se lavorare in stanza fosse aiutare qualcuno in una carriera esistenziale che non sta raggiungendo il suo disegno psichico. Il suo - "lui è contento così" - esteticamente, eventualmente - lontano da te.

Torna in alto