Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Prev Next
A+ A A-

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al liceo, capitava che tornassi a casa a pranzo e parlassi con mia madre della giornata, e desiderosa di accettazione sociale, forse, ma anche convinta assertrice dei pareri delle mie amiche del cuore di allora, esprimevo pareri severi su questo o quel compagno di classe. Quello troppo composto, quello a modo, quello per me molto snob - (ma anche forse disadattata - lo snobismo è un grande alibi dei disadattati), troppo ordinario. 

Mia madre allora diceva: "ma lui è contento così". E anche dopo, mi sa anche adesso quando parliamo di mondi, scelte, piaceri sideralmente lontani dai nostri mia madre diceva e dice "lasciala in pace, lascialo tranquillo: lui è contento così". 

Per molto tempo - "lui è contento così" mi ha molto irritato. Di certi pensavo che dipendesse dal fatto che a lei quel così piacesse - un errore, a guardare la sua vita in prospettiva - invece oggi quando mi confronto con vite molto distanti, quella roba li detta con una voce alle volte piana, ferma, quotidiana  - lui è contento così passami l'olio - oppure con una specie di umorismo materno - lui è contento così occheccivoi fare versami un bicchiere di vino - è una cosa che mi rimane dentro, di cui capisco solo da madre? da adulta? boh il senso.

Questo senso ha a che fare con quel concetto junghiano interessante, per gli analisti e per i romanzieri, in particolare - che è il processo di individuazione.  Una cosa che alle volte  - con cipiglio capitalista mi rendo conto - mi viene da chiamare "carriera esistenziale". Come se scrivere di persone quando si fa letteratura fosse la descrizione di una carriera esistenziale che può essere molto lontana dalla tua, e come se lavorare in stanza fosse aiutare qualcuno in una carriera esistenziale che non sta raggiungendo il suo disegno psichico. Il suo - "lui è contento così" - esteticamente, eventualmente - lontano da te.

Torna in alto