Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Nuovi tentativi di imporre "ac…

Verso l'ultimo anno del s...

Prev Next
A+ A A-

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al liceo, capitava che tornassi a casa a pranzo e parlassi con mia madre della giornata, e desiderosa di accettazione sociale, forse, ma anche convinta assertrice dei pareri delle mie amiche del cuore di allora, esprimevo pareri severi su questo o quel compagno di classe. Quello troppo composto, quello a modo, quello per me molto snob - (ma anche forse disadattata - lo snobismo è un grande alibi dei disadattati), troppo ordinario. 

Mia madre allora diceva: "ma lui è contento così". E anche dopo, mi sa anche adesso quando parliamo di mondi, scelte, piaceri sideralmente lontani dai nostri mia madre diceva e dice "lasciala in pace, lascialo tranquillo: lui è contento così". 

Per molto tempo - "lui è contento così" mi ha molto irritato. Di certi pensavo che dipendesse dal fatto che a lei quel così piacesse - un errore, a guardare la sua vita in prospettiva - invece oggi quando mi confronto con vite molto distanti, quella roba li detta con una voce alle volte piana, ferma, quotidiana  - lui è contento così passami l'olio - oppure con una specie di umorismo materno - lui è contento così occheccivoi fare versami un bicchiere di vino - è una cosa che mi rimane dentro, di cui capisco solo da madre? da adulta? boh il senso.

Questo senso ha a che fare con quel concetto junghiano interessante, per gli analisti e per i romanzieri, in particolare - che è il processo di individuazione.  Una cosa che alle volte  - con cipiglio capitalista mi rendo conto - mi viene da chiamare "carriera esistenziale". Come se scrivere di persone quando si fa letteratura fosse la descrizione di una carriera esistenziale che può essere molto lontana dalla tua, e come se lavorare in stanza fosse aiutare qualcuno in una carriera esistenziale che non sta raggiungendo il suo disegno psichico. Il suo - "lui è contento così" - esteticamente, eventualmente - lontano da te.

Torna in alto