Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Riconoscere un profilo fake

Riconoscere un profilo fake

Quante volte abbiamo sent...

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

Lo scorso 29 ottobre si s...

EUROCAMP

EUROCAMP

"Le opportunità dei nuovi...

Cerimonia in onore di NAMKHAI NORBU - 3 Ottobre (Merigar)

Cerimonia in onore di NAMKHAI NORBU…

Si è svolta mercoledì 3 O...

1 minuto di silenzio noi lo osserviamo così

1 minuto di silenzio noi lo osservi…

Siamo stanchi di osservar...

Il dolore e la rabbia

Il dolore e la rabbia

EEC Press - Il presidente...

La morte dello Stato di Diritto

La morte dello Stato di Diritto

Lo stato di diritto è mor...

La prima "spedizione solare" in Artico

La prima "spedizione solare…

MobileReporter fa la sua ...

Il crollo dello Stato a Genova

Il crollo dello Stato a Genova

Ieri a Genova è crollato ...

IL CEOS APRE A CASTELVECCHIO SUBEQUO LA SEDE DELLA REGIONE ABRUZZO

IL CEOS APRE A CASTELVECCHIO SUBEQU…

La vita sociale nel nostr...

Prev Next
A+ A A-

IL GUARDIANO DEL MARE

Istria (Croazia) Istria (Croazia)

Esiste un luogo magico dove l’orizzonte anche se lontano ed irraggiungibile sembra così vicino da riuscire a toccarlo, dove poter ammirare l’immenso del mare, dove le stelle cadenti sembrano passarti vicino prima che la scia del desiderio si perda nelle onde.

E’ il faro, da sempre un luogo pieno di magia, immerso nella natura ed in contesti di rara bellezza, sornione ed impassibile, se ne sta solitario, come sospeso tra cielo e terra. La sua presenza è discreta, ma allo stesso tempo, la sua imponente mole e le sue braccia di luce, infondono sicurezza a tutti, marinai e non.

Il suo grande fascino è dovuto anche al posto dove è situato. Lo trovi su una piccola isola persa in mezzo al nulla, in cima ad una scogliera solitaria che sprofonda in mare per parecchi metri, in mezzo ad un porto fagocitato da una città che avanza, su una pianura erbosa in riva al mare o sopra un’antica fortezza costruita per difendere la città dai nemici.

La vita dentro il faro è tra mare e terra, praticamente fuori dal mondo. Una scala a chiocciola porta in cima alla lanterna…..la lanterna ha un movimento lento, dolce, che quasi stupisce per la sua semplicità. L’intensità della luce si percepisce solo da lontano, chi sta vicino a pochi passi, avverte semplicemente un delicato chiarore, cogliendo l’intermittenza senza che l’occhio risulti ferito.

Nell’epoca della tecnologia, malgrado qualcuno pensi che ormai sia arrivata la sua fine, il faro rappresenta ancora, per i naviganti, un modo per esorcizzare le insidie del mare.

A dispetto del progresso, continua ad essere il signore della notte, incurante del tempo.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto