Politica

I LAVORATORI FANNO CAUSA ALL’AMBASCIATA

“Schiavo con lo stipendio del pidocchio”: sindacati norvegesi contro l’ambasciata spagnola
Il caso di una donna sivigliana si è concentrato ancora una volta sulle controverse condizioni di lavoro del servizio estero spagnolo a Oslo.

“L’hanno trattata come una schiava e con un pessimo stipendio.” È così che NTL, il più grande sindacato di funzionari norvegesi, riassume le condizioni di lavoro di Lidia M. Santamaría durante le sue ultime settimane come maggiordomo presso la residenza dell’ambasciatore spagnolo in Norvegia . Il caso di questa donna di 36 anni di Siviglia e madre single di un figlio di 10 anni, si è concentrato ancora una volta sulle controverse condizioni di lavoro del servizio estero spagnolo a Oslo, che, dopo anni di denunce, andare a processo a maggio nel paese nordico dopo una causa collettiva dei lavoratori.

Il rapporto di Lidia con la residenza è iniziato un anno fa e per nove mesi è andato bene, racconta la dipendente in un’intervista a El Confidencial. Sebbene il suo stipendio di 239.000 corone lorde all’anno (circa 23.300 euro) fosse basso per il costo della vita in Norvegia – anche il 33% in meno rispetto ai 35.000 euro che l’OCSE considera la soglia di povertà relativa per il paese nordico -, lo ha fatto. accettabile. Erano tre i dipendenti a frequentare la residenza, occupata in quel momento dall’ambasciatrice María Isabel Vicandi , con la presenza intermittente del marito. I suoi compiti includevano l’organizzazione di colazioni, pranzi e cene, fare il bucato e stirare, organizzare la casa e piccoli compiti di contabilità. L’importante per Lidia è che le fosse concesso un orario flessibile, concordato verbalmente con l’allora ambasciatore, con pomeriggi liberi per potersi prendere cura del figlio e svolgere lavori occasionali per completare il suo reddito. Con uno stipendio mensile lordo di 1.600 euro, è riuscito a sbarcare il lunario grazie all’aiuto finanziario dei suoi parenti in Spagna. Ma tutto è cambiato lo scorso settembre.

L’arrivo nella residenza del nuovo ambasciatore José Ramón García Hernández, con la moglie e tre figli minori, ha portato nuove dinamiche lavorative. “Ci hanno informato che l’ ambasciatore voleva che lavorassimo dal lunedì alla domenica, e anche il pomeriggio, per preparare le cene. Che ci sarebbe sempre stato qualcuno nella residenza. Senza alcuna paga extra “, spiega Lidia, aggiungendo che la legislazione norvegese stabilisce pagamenti extra notturni, fine settimana e festivi.
Una conversazione imbarazzante
El Confidencial ha avuto accesso a una registrazione in cui gli allora tre impiegati della residenza diplomatica spiegano a un consigliere di ambasciata la loro incapacità di lavorare nei fine settimana richiesti da García Hernández, che non era ancora arrivato nel Paese. All’inizio della conversazione, il consigliere spiega che “l’ambasciatore vuole che ci sia sempre qualcuno nella residenza. Che i turni siano stabiliti in modo che, nel rispetto della legislazione locale sul lavoro, ci sia sempre una persona, sabato e domenica compresi”. Durante i successivi 30 minuti, i lavoratori cercano di spiegare che questa modifica “non è conforme” a ciò che hanno firmato in quel momento.

Fonte: Elconfidencial

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button