Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Prev Next
A+ A A-

Missione nello spazio: Hazza Al Mansoori torna sulla terra

Missione nello spazio: Hazza Al Mansoori torna sulla terra

È tornato sulla terra giovedì scorso, coperto dalla bandiera degli Emirati Arabi Uniti, Hazza Al Mansoori, primo astronauta emiratino ad aver effettuato una missione spaziale. Membro aggiunto di una missione russa, ha effettuato 16 esperimenti scientifici in collaborazione con agenzie spaziali internazionali tra cui l’agenzia spaziale europea, l’agenzia di esplorazione spaziale giapponese e quella russa.

Il programma degli Emirati Arabi, primo nella regione dei paesi del Golfo, oltre a contribuire allo sviluppo della ricerca portata avanti dalla comunità scientifica internazionale, ha anche lo scopo di preparare cittadini emiratini a svolgere voli, missioni ed esperimenti scientifici spaziali.

Durante il suo soggiorno in orbita, Hazza Al Mansoori ha comunicato spesso con la terra, in particolare con alcuni gruppi di studenti emirati e giapponesi che seguivano in video conferenza il lavoro dell’astronauta. Tra i numerosi esperimenti alcuni hanno riguardato la risposta che il corpo umano fornisce in mancanza di gravità, nello specifico in relazione all’apparato cardiocircolatorio, alla densità ossea e alla regolazione endocrina. Altri esperimenti hanno riguardato la possibilità di conservazione dell’acqua o l’uso della realtà virtuale nello studio della percezione del tempo.

Altre comunicazioni hanno riguardato invece i media nazionali a cui Mansoori ha reso dichiarazioni inerenti la vita quotidiana all’interno della stazione spaziale internazionale. Un suo pensiero è andato ai governanti degli Emirati che gli hanno dato la possibilità di vivere questa esperienza unica. Tutto ciò in attesa di poter ripetere al più presto il viaggio nello spazio. Ma Hazza Al Mansoori ha fatto una cosa molto umana appena ha messo piede sulla terra: ha parlato con sua madre per dirle che era sano e salvo.

Fonte: https://www.groi.eu/qQ8Sf

Torna in alto