Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Prev Next
A+ A A-

UNA NUOVA PATOLOGIA: L'AMAREZZA

UNA NUOVA PATOLOGIA: L'AMAREZZA

La scoperta è del 2003, ma se analizziamo le condizioni in cui la nostra società attualmente si trova, merita oggi una particolare attenzione.

Mi riferisco al “disturbo post-traumatico da amarezza”.

Licenziamenti, conflitti e tensioni sul lavoro, condizioni di precarietà, possono causare una sindrome che comporta il progressivo disadattamento sociale e una quantità di sintomi che vanno dai problemi fisici di natura psicosomatica alla depressione.

Un’equipe di ricercatori dell’Università di Berlino ha osservato che quando l’amarezza si accompagna a paure, ansia, desiderio di vendetta, senso di impotenza, rabbia, si parla di un disturbo psicologico definito “disturbo post-traumatico da amarezza (post-traumatic embitterment disorder).

E’ post-traumatico perché i sintomi sono successivi a uno o più eventi che hanno scatenato la sintomatologia; disturbo da “amarezza” perché secondo gli psichiatri tedeschi, il problema racchiude un complesso di sentimenti di rabbia, delusione, rancore, pessimismo e vendetta che diventano dominanti per la persona che sente di aver subito un’ingiustizia.

Le persone che ne soffrono, si sono trovate ad affrontare un grande ostacolo, un problema insormontabile, fuori dalla loro volontà, tradimenti, crac finanziari, insuccessi, separazioni coniugali, non necessariamente traumi violenti, tragici, ma anche piccole delusioni ripetute che, giorno dopo giorno, non hanno visto una soluzione.

Nel PTED, la persona matura pensieri ossessivi riguardanti l’evento traumatico, pensieri di cui non è in grado di liberarsi e che alimentano un senso di colpa e di frustrazione per non essere stato in grado di evitare o di reagire diversamente agli episodi traumatici. Da ciò deriva un’alterazione della realtà, con conseguente pessimismo ed incapacità di reinserimento professionale e mantenimento di relazioni sociali.

Oggi, nella nostra società si parla anche di “sindrome da amarezza cronica”.

La causa si può identificare nella crisi di valori e di ideali, crisi ideologica, crisi religiosa e soprattutto nella crisi economica che, non offrendo prospettive lavorative, incrementa il senso di vuoto di identità e di inconsistenza personale.

Lo sconforto aumenta poi, perché la sanità pubblica non è in grado di gestire un’emergenza psico - occupazionale come quella che stiamo vivendo, di non supportare efficacemente chi perde il lavoro e chi non lo trova affatto.

Eppure si potrebbe intervenire a costo zero allestendo nelle varie Università di Psicologia dei centri operativi di ascolto e di orientamento utilizzando gli studenti come tirocinanti. Purtroppo la burocrazia e la mancanza di progettualità delle nostre istituzioni non permette operazioni simili.

Si preferisce spedire all’estero giovani e promettenti laureandi e laureati, piuttosto che formarli e metterli a lavoro qui, dove ce ne sarebbe davvero bisogno.

 

(immagine tratta da www.camillamarzocchi.it)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro in questa categoria: « AVANTI TUTTA!!!!! Binge drinking »
Torna in alto