Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

Prev Next
A+ A A-

La rubrica del mensile dedicata alla raccolta di articoli sulla Politica. Si parla anche di Politica Interna, Relazioni Internazionali, Politica Estera, Politica Internazionale e Politica Comunitaria.

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, sia i giornali che la televisione, hanno parlato della fantomatica ricomparsa della scritta DUX sulla parete di roccia che sovrasta Villa Santa Maria, in provincia di Chieti. È vero che l’Abruzzo, come tante altre regioni italiane, vanta una cospicua raccolta di aneddoti sulle streghe, ma qui di strano e fantomatico c’è ben poco. A quanto pare la ricomparsa è da attribuirsi alla decisione del sindaco del paese che, approfittando della ripulitura della roccia per dare il via alle arrampicate sportive, avrebbe deciso di far ripulire anche la scritta, coperta da muschi, polvere e sporcizia, perché: “... è sempre stata lì… e se serve da attrattiva per far venire gente nel mio paese va benissimo.” (Il Centro, articolo di Andrea Mori, del 27/7/2019)

Leggi tutto...

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dalla prima pagina de “Il Messaggero” dell’11 luglio scorso, di taglio basso, leggiamo:” Allarme per i dati Invalsi…..Test di italiano, la disfatta degli studenti”. L’incipit dell’articolo è questo: ”Italiano, inglese, matematica: non è questione di una singola materia. Il livello di preparazione scolastica dei nostri ragazzi, in particolare al Sud, dalle elementari fino alle superiori, è davvero basso………”. Stupisce che un quotidiano titoli un articolo su una importantissima materia, qual’è la scuola, evidenziando la disfatta degli studenti, come se quest’ultimi fossero un corpo distaccato da tutto il sistema.

Leggi tutto...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

Abbiamo deciso di pubblicare il testo di questa lettera. Tutti dovrebbero leggerla.

Gentile Professor Farabollini,

mi chiamo Patrizia Marano, nel sisma del 24 agosto 2016 a Pescara del Tronto, ho perso mio figlio Tommaso di 14 anni, mio marito Alberto, i miei genitori Santa e Corrado, mio cognato Vito e tanti amici.

Io stessa sono rimasta per 5 ore sotto la mia casa crollata per poi, una volta tirata fuori dalle macerie, essere trasferita all’ospedale di Ascoli Piceno, dove sono rimasta ricoverata per varie patologie da schiacciamento, per 2 settimane.

Ho perso i miei affetti più cari e le due abitazioni che avevo a Pescara del Tronto, ma ho perso quella notte, anche la dignità di cittadina.

Leggi tutto...

Mattarella: «Festeggiare il 25 aprile significa celebrare il ritorno dell'Italia alla libertà e alla democrazia»

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha celebrato il 74° Anniversario della Liberazione a Vittorio Veneto, città decorata della Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Il Capo dello Stato, al suo arrivo, ha reso omaggio al Monumento ai Caduti e successivamente è intervenuto alla cerimonia commemorativa al teatro Lorenzo Da Ponte.

Hanno preso la parola Roberto Tonon, Sindaco di Vittorio Veneto; Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto; Giulia Albanese, Professoressa associata di Storia Contemporanea presso l’Università degli Studi di Padova; Francesca Meneghin, Staffetta partigiana di Vittorio Veneto.

Nel corso della celebrazione sono stati eseguiti i brani “Preghiera del partigiano”, “KZ”” e “Monte Pasubio”.

La cerimonia si è conclusa con l’intervento del Presidente Mattarella che di seguito riportiamo. Al termine il Capo dello Stato ha visitato il Museo della Battaglia.

Leggi tutto...

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Salvini

Caro Ministro,

noi che ci riteniamo capaci di sognare, siamo entusiasti del Suo modo di produrre, organizzare e trovare soluzioni per aumentare il livello di sicurezza per il nostro paese.

La Sua vicinanza alla Polizia di Stato ed a tutte le Forze dell’Ordine è coinvolgente, ma il Ministero dell’Interno non è governato solo da poliziotti.

Esiste il personale contrattualizzato che merita altrettanta attenzione perché concorre quanto la Polizia, giorno dopo giorno a raggiungere gli obiettivi fissati dall’Autorità politica.

Lavoriamo fianco a fianco dei poliziotti, nelle Questure, nei Commissariati, nelle Prefetture di tutta Italia, ed al Ministero.

Siamo stati fino ad oggi invisibili, uomini e donne dimenticati.

Leggi tutto...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Il 10 dicembre 2018 è stato celebrato in tutto il mondo il 70° anniversario dell’approvazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. All’alba del 2019 le questioni relative ai diritti umani necessitano nuove chiavi di lettura, di una riflessione profonda in considerazione dei tanti cambiamenti che hanno interessato il mondo dal 1948 ad oggi. Mentre il mondo faceva ancora i conti con le tragiche conseguenze della Seconda Guerra Mondiale, le Nazioni Unite si impegnavano a costruire un mondo più giusto, più equo. Esso però è stato attraversato da stravolgimenti sociali, politici e religiosi, che si sono verificati in modo brusco e irrefrenabile. Sono emerse così nuove emergenze di ogni tipo e misura, sia esse ambientali, sociali o economiche. La strada che porta ad una società simile a quella sognata nel secondo dopoguerra è, dunque, ancora lunga, ma percorribile.

Leggi tutto...

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggior parte dei denigratori della manifestazione di ieri, sono persone di mezza età urbanizzate, con un'esperienza urbanizzata del quotidiano. Hanno frutta tutto l'anno perchè se non c'è dal Lazio c'è dal Cile, hanno l'acqua da bere perchè la comprano minerale, se certi prodotti aumentano di prezzo non riescono manco a correlare la questione con la diminuzione dell'offerta su base climatica. Si percepiscono nel complesso ancora in una rosea opulenza. Hanno un blando terrore, perchè fa un po' più caldo, ma siccome abitano il cocuzzolo più fortunato del mondo e non l'India o l'area subsahariana, non è grande terrore, perchè appunto non muoiono di caldo. Come sta altrove cominciando a succedere.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS