Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Friends” festeggia il 25esimo compleanno

“Friends” festeggia il 25esimo comp…

Quando è stato lanciato i...

Expo2020: il regalo di Dubai al mondo

Expo2020: il regalo di Dubai al mon…

Si avvicina l’inizio di u...

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero met…

Non vi è dubbio che il li...

Guerra in Libia, il ruolo degli Emirati Arabi nel conflitto

Guerra in Libia, il ruolo degli Emi…

Nel difficile contesto li...

Gli Emirati Arabi Uniti condannano il piano di annessione di Netanyahu

Gli Emirati Arabi Uniti condannano …

Le monarchie del Golfo co...

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la sfida allo spazio

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la…

L’obiettivo degli Emirati...

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Quando il semplice rischio si trasf…

Il trattamento degli inse...

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

PIÙ ANTICIPAZIONI DI TESO...

LO YOGA DEL SOGNO

LO YOGA DEL SOGNO

È possibile rimanere cosc...

Era il 3 settembre 1982

Era il 3 settembre 1982

In data 03 Settembre 1982...

Prev Next
A+ A A-

Siria e Turchia, quel confine che non si vede

Turchia e SiriaTel Abiad è una cittadina siriana di circa 12mila abitanti che sorge vicino il fiume Balik. La sua piazza principale dista 1.850 metri dalla piazza di un’altra città, la città turca di Akcakale.

Nella serata del 3 ottobre un colpo di mortaio esploso dal territorio siriano ha colpito la cittadina turca, uccidendo cinque persone. Il governo turco, naturalmente, non ha esitato a reagire. Le postazioni militari di Rasm al Ghazal, vicino Tel Abiad sono state bombardate dall’aviazione turca, portando la morte di morti almeno  cinque soldati siriani.

L’ennesima scintilla tra Erdogan e Assad che rischia di esplodere in un conflitto, dopo che da quasi due anni le violenze in Siria allarmano l’intera regione.

E non poteva essere altrimenti.

Il conflitto siriano non è alimentato solo da tensioni politiche interne, assomiglia invece sempre più ad un fiume in piena che si allarga ed ingloba scontri etnici, jihadismo e speculazioni internazionali, fino a non trovare traccia dell’inizio dell’uno e della fine dell’altro.

Leggi tutto...

CAOS IN SIRIA... COSA VUOL DIRE?

Credo che nessuno possa immaginare le disastrose conseguenze che la caduta della Siria potrebbe originare.
Nonostante la continua e presente brutalità vissuta a causa dello scenario iracheno, questo non si può paragonare alla gravità delle conseguenze che potrebbero derivare dalla situazione siriana.
Il pericolo che potrebbe derivare dalla caduta del governo siriano e’ molto legato agli strumenti utilizzati per rovesciare questo regime.
Senza dover spiegare molto, lo strumento introdotto già in Libia, rappresentato dalle forze radicali (Salafite) e sponsorizzate dal Qatar, e’ in questo momento già attuale in Siria.
Il Qatar ha manifestato ultimamente di essere lo sponsor ufficiale di tutti i gruppi radicali già dall’inaugurazione della moschea più grande della regione, sotto il nome del fondatore del wahabismo Mohammad Bin Abd al Wahab, e inoltre con l’istituzione di un ufficio di rappresentanza per i Taliban a Doha la capitale del Qatar.
Tutto ciò spiega il ruolo ambiguo giocato dal Qatar in Libia, e il suo sforzo attuale per avere lo stesso ruolo in Siria. L’ esportazione di questi gruppi sarebbe controllabile dopo? Temo che la risposta sia assolutamente negativa, dunque, dobbiamo temere già da ora le conseguenze catastrofiche di questa politica.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS