Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e la politica estera aggressiva di Ankara

STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e l…

Sempre più spesso gli S...

Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Prev Next
A+ A A-
Amer Al Sabaileh

Amer Al Sabaileh

Si occupa di analisi strategica in ambito delle relazioni internazionali, nel settore governativo e dello sviluppo economico e umano. 

Membro del dipartimento docenti delle lingue europee e Università di studi della Giordania - Amman.

Dottorato, Università degli Studi Italiani di Pisa "Influenza araba e islamica sui concetti di vita dell'altro nell'area del Mediterraneo in epoca medievale".

Peace Building and Reconciliation Università di Coventry, Regno Unito

Master, educazione alla pace, cooperazione internazionale, diritti umani e politica dell'Unione europea.

Diploma universitario superiore, letteratura italiana e inglese -Diploma maggiore.

URL del sito web: http://amersabaileh.blogspot.com/

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

La politica globale sta cambiando e le dinamiche tradizionali in atto dalla seconda guerra mondiale stanno cambiando. Molti paesi, specialmente in Medio Oriente, hanno costruito le loro politiche sulla divisione tra Oriente e Occidente e la loro politica estera e la partecipazione alle alleanze si sono effettivamente basate su questo conflitto ideologico. Negli ultimi anni abbiamo assistito all'evoluzione della guerra al terrorismo che ha influito su questi pilastri tradizionali e le alleanze stanno diventando sempre più basate su vantaggi economici e reciproci.

Tenendo d'occhio la Siria meridionale

I recenti sviluppi nel sud della Siria dimostrano la crescente minaccia dei gruppi terroristici e criminali nell'area e la necessità di prestare maggiore attenzione all'evolversi della situazione. Questo è un rischio crescente di instabilità proprio ai confini della Giordania e sta aumentando la minaccia alla sicurezza nelle sue principali città. L'instabilità non è semplicemente il risultato di minacce alla sicurezza, ma anche le difficoltà economiche che le persone vivono e l'apparente mancanza di politiche o strategie per misure preventive per gestire il rischio.

L'alleanza transfrontaliera Giordania-Iraq è una priorità strategica

La potenziale instabilità ai confini è un rischio critico per tutti i paesi, specialmente in Medio Oriente. Ciò è particolarmente vero per la Giordania, dove il rischio è elevato da molti anni e le minacce alla sicurezza al confine come l'illegalità e la lotta creano un terreno fertile per la criminalità e il terrorismo. Questo tipo di instabilità unita a difficoltà economiche potrebbe anche portare a un aumento significativo del numero di locali che si uniscono a gruppi terroristici.

L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

Negli ultimi anni, si è verificata un'escalation della tensione diplomatica e politica tra Giordania e Israele che non riflette il trattato di pace esistente, né il livello di cooperazione in materia di sicurezza esistente tra le due parti. Dalle controversie all'UNESCO alle recenti questioni relative alla prevista annessione della Cisgiordania da parte di Israele, a cui la Giordania si oppone in modo aggressivo, la crescente tensione pone la questione se Giordania e Israele siano sulla strada dello scontro diretto.

È importante essere realistici, dato che si tratta di due paesi che condividono problemi di sicurezza e un lungo confine, in particolare nel contesto degli investimenti della Giordania nelle questioni politiche, sociali e demografiche della Cisgiordania. Dato che entrambi i paesi stanno adottando un approccio "senza compromessi", una situazione di stallo politico era inevitabile, ma ci sono opzioni alternative che non portano allo scontro, ma creano anche opportunità per entrambi gli stati di capitalizzare.

Sottoscrivi questo feed RSS