Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“La felicità del cactus”, di Sarah Haywood

“La felicità del cactus”, di Sarah …

Ferragosto è passato e se...

Buon compleanno Telegram: sei anni di lotta per la libertà

Buon compleanno Telegram: sei anni …

“Buon compleanno Telegram...

La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

Prev Next
A+ A A-
Amer Al Sabaileh

Amer Al Sabaileh

Si occupa di analisi strategica in ambito delle relazioni internazionali, nel settore governativo e dello sviluppo economico e umano. 

Membro del dipartimento docenti delle lingue europee e Università di studi della Giordania - Amman.

Dottorato, Università degli Studi Italiani di Pisa "Influenza araba e islamica sui concetti di vita dell'altro nell'area del Mediterraneo in epoca medievale".

Peace Building and Reconciliation Università di Coventry, Regno Unito

Master, educazione alla pace, cooperazione internazionale, diritti umani e politica dell'Unione europea.

Diploma universitario superiore, letteratura italiana e inglese -Diploma maggiore.

URL del sito web: http://amersabaileh.blogspot.com/

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Verso l'ultimo anno del suo primo mandato, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump perseguirà un accordo regionale in Medio Oriente, con particolare attenzione alla Palestina. Dall'inizio di questa amministrazione, ci sono state fughe di notizie e voci dalla Casa Bianca sulla "questione del secolo" per il Medio Oriente.

Il primo chiaro segno dell'interesse di questa amministrazione a trovare un accordo scuotendo la situazione fu quello di annunciare il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e che l'ambasciata degli Stati Uniti in Israele sarebbe stata trasferita lì. Si trattava chiaramente di una mossa calcolata, poiché la rabbia e il respingimento di coloro che si opponevano non sembravano esercitare alcuna pressione sull'amministrazione.

Le sfide interne ed esterne della Giordania

I recenti cambiamenti nella politica regionale e nella politica estera dimostrano l'importanza del ruolo regionale della Giordania. Date le tumultuose dinamiche regionali e la complessa crisi economica che affronta la Giordania, dobbiamo trovare nuovi modi per creare opportunità economiche. Tuttavia, qualsiasi ruolo politico regionale sostanziale o creazione di reali opportunità economiche richiede una visione a lungo termine sostanziale e strategica con la comprensione e la capacità di sviluppare e attuare piani a breve, medio e lungo termine. La cooperazione regionale e i progetti transfrontalieri non si concretizzano, richiedono leader intelligenti con visione e piani per navigare nelle dinamiche di situazioni complesse.

Giordania: la necessità di rivedere politiche e procedure

Stiamo andando nella giusta direzione per un futuro migliore? Questa è la domanda più frequente fatta oggi dalla maggior parte dei giordani. Sfortunatamente, gli indicatori socioeconomici non lasciano molto spazio all'ottimismo. Il debito pubblico e il deficit di bilancio stanno aumentando rapidamente, accompagnati da storie su come vengono spesi i soldi pubblici e chi è responsabile. Mentre stiamo raggiungendo il 100 ° anniversario della fondazione della Giordania nella sua attuale entità politica, la revisione a tutti i livelli sembra essere d'obbligo.

Sottoscrivi questo feed RSS