Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Prev Next
A+ A A-
Amer Al Sabaileh

Amer Al Sabaileh

Si occupa di analisi strategica in ambito delle relazioni internazionali, nel settore governativo e dello sviluppo economico e umano. 

Membro del dipartimento docenti delle lingue europee e Università di studi della Giordania - Amman.

Dottorato, Università degli Studi Italiani di Pisa "Influenza araba e islamica sui concetti di vita dell'altro nell'area del Mediterraneo in epoca medievale".

Peace Building and Reconciliation Università di Coventry, Regno Unito

Master, educazione alla pace, cooperazione internazionale, diritti umani e politica dell'Unione europea.

Diploma universitario superiore, letteratura italiana e inglese -Diploma maggiore.

URL del sito web: http://amersabaileh.blogspot.com/

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

L'Europa sta affrontando il suo primo grande test dopo la Brexit.

La pandemia di COVID-19 sta scuotendo la struttura dell'UE e sta mettendo a dura prova la capacità di ripresa dell'idea stessa di un'Europa unita. La pandemia ha messo in evidenza i problemi di fondo che sono emersi durante la Brexit; le crisi regionali che hanno colpito i paesi del Mediterraneo. Ora, poiché l'Italia deve affrontare una sfida enorme, non ha trovato il sostegno che ci si aspettava dall'Unione europea, ma piuttosto un muro di sfiducia e scarsa collaborazione.

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ora il primo esame dopo la Brexit, che ha scosso il sistema e l’assetto europeo, mettendo a dura prova la tenuta dell’idea stessa di un Europa Unita. A questo quadro, già di per sé poco entusiasmante, che ha visto la contrapposizione tra un’idea di Europa unita e quella individualista dell’Inghilterra, si è aggiunto anche il fenomeno della pandemia conosciuta come Coronavirus. 

La pandemia ha messo in rilievo delle problematiche che comunque si erano già evidenziate, anche se in maniera non così evidente, durante i mesi della Brexit o durante le crisi regionali che hanno interessato le regioni mediterranee. Oggi, in un momento di forte difficoltà l’Italia, non ha trovato nell’Unione Europea un’alleata ma piuttosto un muro di diffidenza e scarsa collaborazione. 

La politica nell'era del "no alleati"

Non vi è dubbio che si sta verificando un cambiamento significativo nella condotta della politica internazionale. Le relazioni internazionali sono sempre più basate sull'interesse economico e meno su alleanze e valori ideologici. Ciò sta avendo un impatto globale, ma per un paese come la Giordania, che è totalmente dipendente dai suoi alleati, richiede una revisione urgente della sua posizione e del suo approccio che si basa attualmente sul valore sottostante delle sue alleanze politiche percepite, che si sono chiaramente spostate.

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

La scorsa settimana ha segnato 30 anni dalla caduta del muro di Berlino. Questa sarà sempre una data straordinaria nella storia, poiché ha segnato la fine della Guerra Fredda e il confronto dei due blocchi. La guerra fredda è stata anche il segno di spicco della politica globale che è stata modellata in base alle alleanze ideologiche, poiché l'ideologia ha svolto un ruolo importante nel modellare la natura delle alleanze e il ruolo dell'alleato. Molti paesi si sono trovati a svolgere un ruolo o a far parte di alleanze secondo questi criteri nell'ultima generazione.

Sottoscrivi questo feed RSS