Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Il riequilibrio ai tempi del COVID-19

Il riequilibrio ai tempi del COVID-…

"Credo che il cosmo abbia...

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“Non si giudica un libro ...

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: un’occasione per il rilancio dell’economia italiana

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: …

Mentre l’Italia attravers...

Prev Next
A+ A A-

Guerra ibrida

Guerra ibrida

Non ci sarà una terza guerra del golfo.

Il target killed del Generale Soleimani deve essere inquadrato nella necessità del governo USA di ristabilire gli equilibri proporzionali nell’area, tali da riportare gli americani ad un totale controllo dell’espansione iraniana.

L’azione dei militari Usa non può essere messa in relazione alla politica interna statunitense ed ai problemi del Presidente.

E’ chiaro che Trump gioca la sua rielezione anche sullo scacchiere medio orientale, ma ha un forte aiuto dall’inerzia dei democratici che divisi e poco reattivi sono per ora spettatori passivi della vicenda iraniana.

Gli elettori americani vedono comunque con interesse le prove di forza del Pentagono e questo fa pensare ad una maggiore considerazione del presidente in relazione all’ipotesi di una sua rielezione.

L’ Iran procederà ad una serie di reazioni selettive non avendo capacità militari ed economiche per ingaggiare una crisi generale nel golfo, neppure tenterà a chiusura dello stretto di Hormuz per danneggiare le esportazioni di greggio.

Certamente ci saranno delle rappresaglie sulle postazioni militari americane, azioni queste moralmente obbligatorie per lo stato islamico ormai caduto nella trappola statunitense.

Se l’Iran non reagisce rischia una crisi di governo, ma la sua reazione non potrà mai essere esclamante come la popolazione vorrebbe.

Il Generale Soleimani è stato per anni tollerato ed a volte supportato dal Pentagono perché utile nel contenimento di Daesh, ora cambiando i contesti era più che logico che il leggendario militare sciita fosse diventato troppo ingombrante e troppo popolare nella sua visione di unire trasversalmente Iran ed Iraq nella fede sciita dei due paesi confinanti. 

La sua eliminazione si colloca nella guerra ibrida e nelle alleanze dettate dall’utilità del momento. 

L’odierno viaggio di Putin a Damasco dove ha incontrato il Presidente Siriano conferma la debolezza attuale iraniana di fronte all’ipotesi di uno scontro globale.

Torna in alto