Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival ...

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un murales. La famiglia:"Non è mai stato minaccia"

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un…

Vicino all'ambasciata d'E...

Le mani della Turchia sul Mediterraneo

Le mani della Turchia sul Mediterra…

La mire espansionistiche ...

Verità per Giulio

Verità per Giulio

Oggi 3 febbraio 2020 ri...

A febbraio il Breakbulk Middle East a Dubai, evento top per trasporto e logistica

A febbraio il Breakbulk Middle East…

Per il secondo anno conse...

Nucleare, prima centrale negli Emirati Arabi Uniti

Nucleare, prima centrale negli Emir…

Nucleare – Gli Emirati Ar...

Turchia e dintorni. Turchia campione dei non diritti umani

Turchia e dintorni. Turchia campion…

Che la Turchia stia attra...

1917

1917

È difficile raccontare la...

"Minchia Signor Tenente" in scena al Teatro degli Astri di Roma

"Minchia Signor Tenente" …

Dal 31 gennaio al 2 febbr...

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

Non ho mai amato troppo l...

Prev Next
A+ A A-

La politica nell'era del "no alleati"

La politica nell'era del "no alleati"

Non vi è dubbio che si sta verificando un cambiamento significativo nella condotta della politica internazionale. Le relazioni internazionali sono sempre più basate sull'interesse economico e meno su alleanze e valori ideologici. Ciò sta avendo un impatto globale, ma per un paese come la Giordania, che è totalmente dipendente dai suoi alleati, richiede una revisione urgente della sua posizione e del suo approccio che si basa attualmente sul valore sottostante delle sue alleanze politiche percepite, che si sono chiaramente spostate.

È indispensabile riconoscere le nuove dinamiche e far fronte al fatto che le tradizionali fonti di aiuto e donazioni non sono più praticabili. Il futuro di un paese come la Giordania deve basarsi sullo sviluppo e la crescita della propria industria e della propria economia per essere un membro produttivo della comunità internazionale e creare opportunità per i propri cittadini. Questo è sempre stato più facile a dirsi che a farsi, ma, sempre più, non c'è altra alternativa che languire nella povertà e nella protesta.

Sebbene ciò possa sembrare ripetitivo, la posizione geografica della Giordania dovrebbe essere utilizzata per ottenere un vantaggio economico, ciò richiede un maggiore impegno con i vicini e un migliore utilizzo delle frontiere condivise per interessi economici condivisi. Di conseguenza, ciò dovrebbe sollecitare i responsabili politici della Giordania a rivedere la sua politica estera in base alle attuali modifiche e attraverso una strategia a breve termine.

Le implicazioni dei progressi nel processo di pace regionale sono troppo importanti perché la Giordania non diventi un attore chiave, per non imporre risultati. Con i cambiamenti radicali che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha portato al processo, è fondamentale che la Giordania si concentri su frontiere, rifugiati e sicurezza. L'instabilità regionale diventa un'opportunità per essere una parte fondamentale della soluzione. Altrimenti, è una minaccia ancora più grande, poiché le difficoltà economiche diventano privazione del diritto di proprietà e antistato che i gruppi criminali e terroristici regionali manipolano a proprio vantaggio. Le politiche che non alleviano la tensione e l'alienazione creeranno un gruppo più ampio di persone per questi gruppi in cui reclutare e destabilizzare la sicurezza interna.

Una crescita economica efficace e sostenibile non può essere alimentata dalle sole risorse locali. Il potere che la Giordania esercita, come è sempre stato, è nella sua geografia, ma il mondo è cambiato e la Giordania deve trovare un ruolo e sfruttare i suoi vantaggi in base al mondo di oggi e dove sta andando. La migliore risposta alla situazione richiede molto più di un'analisi superficiale della situazione, ha bisogno di un'attenta considerazione delle questioni, del contesto più ampio di instabilità regionale e difficoltà economiche interne e di come forgiare un percorso per creare il futuro che vogliamo nonostante di ciò che i nostri nemici vogliono creare e sviluppare un approccio che consideri come reagiranno.

L'approccio ai problemi interni della Giordania dovrebbe essere affrontato da una visione più ampia, in cui un impegno e una leadership regionali più ampi sono la chiave dei suoi problemi. Rimodellare la politica estera è molto importante; non solo per liberare la Giordania dall'isolamento che è stato creato negli ultimi tre anni, ma anche per creare opportunità interne attraverso serie riforme di cui la Giordania ha disperatamente bisogno oggi.

 

Torna in alto