Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Lose Control? E’ nata in venti minuti, come Piece of Your Heart”: intervista a Meduza

“Lose Control? E’ nata in venti min…

Dopo quest’estate, non se...

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (direttore Catholic Center Giordania): “Religioni e Stati insieme per la fratellanza umana”

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (di…

“Bisogna lavorare insieme...

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, incontro a Cagliari

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, …

Si è svolto giovedì 28 no...

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia, Emirati Arabi Uniti

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia…

Si è tenuto lo scorso 16 ...

Le imprenditrici degli Emirati Arabi Uniti approdano nel Regno Unito

Le imprenditrici degli Emirati Arab…

Diciassette imprenditrici...

Onu, emancipazione femminile e Emirati Arabi Uniti

Onu, emancipazione femminile e Emir…

Anita Bhatia, vicediretto...

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su Dubai per promuovere la tolleranza

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su …

Gli Emirati Arabi Uniti e...

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

Dare forma alla politica estera nel…

La scorsa settimana ha se...

La protezione della famiglia al centro delle politiche degli Emirati Arabi Uniti

La protezione della famiglia al cen…

Il governo degli Emirati ...

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a Expo Dubai

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a…

Dal 20 ottobre 2020 al 10...

Prev Next
A+ A A-

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

La scorsa settimana ha segnato 30 anni dalla caduta del muro di Berlino. Questa sarà sempre una data straordinaria nella storia, poiché ha segnato la fine della Guerra Fredda e il confronto dei due blocchi. La guerra fredda è stata anche il segno di spicco della politica globale che è stata modellata in base alle alleanze ideologiche, poiché l'ideologia ha svolto un ruolo importante nel modellare la natura delle alleanze e il ruolo dell'alleato. Molti paesi si sono trovati a svolgere un ruolo o a far parte di alleanze secondo questi criteri nell'ultima generazione.

La caduta del muro di Berlino ha sicuramente influenzato la politica globale e il modo in cui è plasmata, poiché la fine simbolica della guerra fredda ha segnato il passaggio da un mondo bipolare a un superpotere unipolare. Negli anni seguenti non vi fu alcuna apparente crisi di ideologia; ad esempio, mentre il patto di Varsavia è stato sciolto nel 1991, la NATO è ancora intatta. Ma c'erano alcune chiare differenze, comunque.

La guerra ideologica tra capitalismo e comunismo fu sostituita dall'era del paternalismo con alleanze nelle guerre contro i gruppi. La guerra fredda fu sostituita dalla guerra al terrore, che era anche ideologica e teneva insieme vecchie alleanze contro un nuovo nemico. Più recentemente, anche questo modello di alleanza non sembra più essere in gioco. La politica globale sta cambiando e un nuovo paradigma sembra dare forma alle alleanze. Non è più ideologie di sinistra contro di destra, ma il pragmatismo economico sta diventando più influente nel plasmare la politica globale.

Il risultato che stiamo vedendo è l'intero concetto di plasmare alleanze e il ruolo degli alleati tradizionali sta cambiando radicalmente. Questo spostamento può spiegare gran parte delle recenti politiche globali e politiche internazionali, che sta iniziando sempre più a mettere in discussione il ruolo di gruppi e organismi internazionali come le Nazioni Unite e l'UE. Oltre a ciò, potrebbe anche esserci una rivalutazione dei risultati economici della seconda guerra mondiale, come la presenza di truppe statunitensi nel mondo, il ruolo della NATO e se la spesa fornisce valore. Le sole domande dimostrano un cambiamento nelle motivazioni e percezioni intorno all'ordine globale e al ruolo della politica internazionale.

Il cambiamento nei motori della politica globale in realtà è iniziato sotto il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e ha avuto il suo impatto sul Medio Oriente, inizialmente tra i tradizionali alleati statunitensi che hanno iniziato a mettere in discussione l'impegno dell'America a sostenerli dato l'approccio pratico di Obama durante la primavera araba. Con il presidente Donald Trump, il cambiamento si è evoluto ma sta diventando più chiaro man mano che le alleanze vengono modellate in base a benefici diretti e interessi economici.

Questo cambiamento non si limita agli Stati Uniti e alle sue politiche, ma sta diventando una tendenza globale più ampia. Pertanto, i paesi devono riconoscere che la forza delle loro alleanze tradizionali si basa ora sul livello di interesse economico e sulla capacità di essere di reciproco vantaggio o beneficio diretto per gli altri. I paesi con alleanze tradizionali con superpoteri che sono fondamentali per la loro economia e sicurezza devono rivedere il loro approccio al fine di posizionarsi per massimizzare il loro valore economico al fine di mantenere un sostegno continuo.

È fondamentale che i paesi riconoscano questa trasformazione nella politica globale. Mentre alcuni potrebbero negarlo e sostenere che non sta accadendo in base alle eccezioni percepite alla regola, è evidente che le alleanze reali e forti nel mondo di oggi hanno un interesse economico sottostante basato su continui benefici futuri.

L'illusione del sostegno di una superpotenza non dovrebbe ingannare i paesi che cercano di mantenere il loro sostegno tradizionale e assumere i loro ruoli in Medio Oriente, come il ruolo russo o l'emergere di Mosca come protagonista nelle questioni mediorientali. Il sistema unipolare del dopoguerra sta cambiando di nuovo e i paesi che tradizionalmente non avevano molto potere possono posizionarsi per essere influenzati dalla capacità di creare valore. Allo stesso modo, i superpoteri non sono più l'unica alleanza su cui concentrarsi, poiché i paesi più piccoli e più intelligenti possono fornirsi maggiore valore l'uno con l'altro in questo nuovo sistema e il vantaggio reciproco deve essere al centro della politica estera poiché è così che funziona il mondo adesso.

Torna in alto