Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e la politica estera aggressiva di Ankara

STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e l…

Sempre più spesso gli S...

Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Prev Next
A+ A A-

POLITICA INTERNAZIONALE. Gli Emirati Arabi e il ruolo delle donne nella ricostruzione postbellica

POLITICA INTERNAZIONALE. Gli Emirati Arabi e il ruolo delle donne nella ricostruzione postbellica

La missione permanente degli Emirati Arabi Uniti presso le Nazioni Unite e l’Istituto Georgetown per le donne, la pace e la sicurezza, GIWPS, hanno lanciato una nuova iniziativa congiunta per promuovere il ruolo delle donne nella ricostruzione postbellica , a margine della settimana di alto livello su Donne, pace e sicurezza (WPS).

L’iniziativa consiste in quattro discussioni, il lancio di un importante rapporto di ricerca nella seconda metà del 2020 e un piano d’azione dell’ONU volto a colmare le lacune negli approcci sensibili alla dimensione di genere nella ricostruzione postbellica che rimangono sotto ricerca e sotto attuazione.

Per Lana Nusseibeh, ambasciatrice degli Emirati Arabi Uniti e Rappresentante permanente presso le Nazioni Unite, l’occasione è importante per identificare le azioni che la comunità delle Nazioni Unite può intraprendere nell’ambito i prossimi 12 mesi volte a coinvolgere effettivamente le donne nel mantenimento della pace e la prevenzione dei conflitti.

L’ambasciatrice emiratina ha dichiarato che “la ricerca ci ha dimostrato più volte il valore dell’impegno delle donne in politica per garantire pace, sicurezza e sviluppo sostenibili per tutti” e si dice felice per la possibilità di collaborare “all’identificazione di azioni e riforme concrete che gli Stati membri e le agenzie delle Nazioni Unite possono intraprendere e sostenere al fine di garantire l’integrazione della dimensione di genere nei processi postbellici.”

Le fa eco l’ambasciatrice Melanne Verveer, direttore esecutivo di GIWPS ed ex ambasciatrice americana per le questioni femminili globali: “Dobbiamo prestare maggiore attenzione al periodo critico di transizione quando un paese sta emergendo dal conflitto. Offre una particolare finestra di opportunità per l’inclusione delle donne nel contribuire ad una nuova costituzione, nella costruzione di istituzioni democratiche e nel promuovere la stabilità, le opportunità economiche e la pace sostenibile. ”

L’evento ha anche caratterizzato il primo panel dalla Missione permanente della Germania presso le Nazioni Unite e incentrata sul governo post-conflitto e sulla partecipazione politica.

Tra i relatori: le due ambasciatrici, Nusseibeh e Verveer; Rosemary DiCarlo, sottosegretaria generale delle Nazioni Unite per gli affari politici e di costruzione della pace; Valentine Rugwabiza, l’ambasciatrice e rappresentante permanente del Ruanda presso le Nazioni Unite; Olufunmilayo Balogun, vicecapo della pace e della sicurezza dell’ONU femminile; Palwasha Kakar, Responsabile del programma senior per la religione e la società inclusiva presso l’istituto per la pace di US; Olena Yena, Direttrice del Programma della guida femminile presso l’istituto democratico nazionale; Jurgen Schulz, ambasciatore e vice rappresentante permanente della Germania presso le Nazioni Unite.

Gli Emirati Arabi Uniti restano fermamente impegnati per far progredire l’agenda del WPS. Nel luglio 2019 il governo di Abu Dhabi e le donne dell’ONU hanno annunciato la seconda fase del programma di addestramento militare e di mantenimento della pace per le donne, tenuto sotto il patrocinio di Sua Altezza la sceicca Fatima Bint Mubarak, presidente dell’Unione generale delle donne, del Consiglio supremo per la maternità e della Fondazione per lo sviluppo familiare.

Il programma, avviato in collaborazione con le donne delle Nazioni Unite, il Ministero della Difesa degli Emirati Arabi Uniti e l’Unione generale delle donne, sarà lanciato nel gennaio 2020 e mira ad amplificare il ruolo che le donne svolgono nel settore della sicurezza, l’efficacia femminile nelle operazioni di mantenimento della pace e tende a fornire alle donne le competenze necessarie per proteggere se stesse e le loro comunità in tempi di conflitto.

Emanuela Locci

Fonte: https://www.groi.eu/YeegQ

Torna in alto