Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Il riequilibrio ai tempi del COVID-19

Il riequilibrio ai tempi del COVID-…

"Credo che il cosmo abbia...

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“Non si giudica un libro ...

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: un’occasione per il rilancio dell’economia italiana

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: …

Mentre l’Italia attravers...

Turchia contro Fossalto

Turchia contro Fossalto

Il comune di Fossalto il ...

Al Middle East Energy a Dubai ultime tendenze nella digitalizzazione e nelle energie rinnovabili

Al Middle East Energy a Dubai ultim…

La digitalizzazione e le ...

Prev Next
A+ A A-

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Il trattamento degli insegnanti di giovedì scorso per protesta contro le richieste salariali, che ha provocato uno scontro con la polizia, è stato molto triste da vedere. La risposta delle autorità è stata l'ultima di una serie in cui un incidente relativamente piccolo diventa una tragedia a causa della mancata azione con la ragione.

Non è stato necessario che le forze di sicurezza bloccassero le strade per impedire ai manifestanti di raggiungere il Primo Ministero. Invece, gli insegnanti sono diventati più accesi e si sono radunati in altre aree cantando slogan antigovernativi e hanno chiesto un sit-in in corso.

Questo approccio alla gestione delle crisi proviene da un'era obsoleta, in cui i politici paranoici usavano teorie della cospirazione, violenza e misure di sicurezza per coprire la propria incompetenza e incapacità di affrontare le questioni interne al fine di assicurarsi che emergessero irreprensibili da qualsiasi problema. In una società moderna e istruita, questo approccio dimostra che il governo è solo in grado di creare capri espiatori e dividere le persone. Mentre il governo continua a inclinarsi contro i mulini a vento di Don Chisciotte, la gente lo chiede per affrontare i giganti reali, gli ostacoli alle riforme.

Questo governo ha delineato il suo piano di riforma, ma quanto bene ha realizzato? Il primo ministro Omar Razzaz ha promesso di creare un dialogo aperto senza confronto; il suo governo avrebbe dovuto costruire canali aperti di comunicazione e amicizia, non creare più nemici. Sfortunatamente, le persone chiave che dovrebbero supervisionare la gestione delle crisi hanno mostrato una significativa mancanza di comprensione tattica. Forse avrebbe dovuto esserci una priorità più alta per la capacità di comprendere i nostri connazionali, dalla strada all'ufficio.

Ciò di cui la Giordania ha bisogno oggi è un approccio flessibile, in grado di comprendere i cambiamenti e in grado di comunicare senza narcisismo e testardaggine. Ogni giorno c'è un divario sempre più ampio tra lo Stato e il suo popolo, che può solo portare a cerchi sempre più ampi di malcontento. L'ultima cosa che dovremmo fare è rispondere con la violenza; usare il potere dello stato per isolare ulteriormente il malcontento creerà solo ulteriore confusione e caos.

La soluzione non è più la repressione o la formazione di gruppi politici risoluti che affermano di rappresentare una nazione. Dobbiamo mettere in comune le migliori risorse che abbiamo in un governo di alleanza nazionale per superare questa fase di transizione. Dobbiamo ricordare che la rabbia popolare è stata la ragione del licenziamento dei due precedenti governi. L'attuale governo non sembra andare meglio. Dobbiamo riconoscere cosa sta succedendo e i decisori devono includere leader emergenti che rappresentano gli interessi della nostra gente. Solo così possiamo garantire una tabella di marcia trasparente per le riforme.

Il modello di riforma di cui abbiamo bisogno deve essere basato sulla coesione nazionale. Dobbiamo fare un passo avanti positivo per trovare una soluzione che unisce, non divide. Con questo mandato chiaramente richiesto dal popolo, coloro che non sono in grado di adempiere devono fare ciò che è giusto per il Paese e fare un passo indietro. Abbiamo bisogno di leader che mettano gli interessi del Paese al di sopra dei propri. Abbiamo bisogno di tolleranza, menti ampie e spalle più ampie. L'intuizione e una vera connessione con le persone sono assolutamente necessarie in questi tempi difficili.

Torna in alto