Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

Prev Next
A+ A A-

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggior parte dei denigratori della manifestazione di ieri, sono persone di mezza età urbanizzate, con un'esperienza urbanizzata del quotidiano. Hanno frutta tutto l'anno perchè se non c'è dal Lazio c'è dal Cile, hanno l'acqua da bere perchè la comprano minerale, se certi prodotti aumentano di prezzo non riescono manco a correlare la questione con la diminuzione dell'offerta su base climatica. Si percepiscono nel complesso ancora in una rosea opulenza. Hanno un blando terrore, perchè fa un po' più caldo, ma siccome abitano il cocuzzolo più fortunato del mondo e non l'India o l'area subsahariana, non è grande terrore, perchè appunto non muoiono di caldo. Come sta altrove cominciando a succedere.

Invece io consiglierei a queste persone di fare una gita fuori porta (di casa) una gita in campagna a chiedere come sta andando. A scoprire com'è quando il caldo produce molti più animali patogeni per le piante, la siccità ammazzi la produzione, a scoprire come funziona quando per più di un anno un certo raccolto non c'è, cosa vuol dire quando le api muoiono per tutto il resto.

Torna in alto