Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“La felicità del cactus”, di Sarah Haywood

“La felicità del cactus”, di Sarah …

Ferragosto è passato e se...

Buon compleanno Telegram: sei anni di lotta per la libertà

Buon compleanno Telegram: sei anni …

“Buon compleanno Telegram...

La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

Prev Next
A+ A A-

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggior parte dei denigratori della manifestazione di ieri, sono persone di mezza età urbanizzate, con un'esperienza urbanizzata del quotidiano. Hanno frutta tutto l'anno perchè se non c'è dal Lazio c'è dal Cile, hanno l'acqua da bere perchè la comprano minerale, se certi prodotti aumentano di prezzo non riescono manco a correlare la questione con la diminuzione dell'offerta su base climatica. Si percepiscono nel complesso ancora in una rosea opulenza. Hanno un blando terrore, perchè fa un po' più caldo, ma siccome abitano il cocuzzolo più fortunato del mondo e non l'India o l'area subsahariana, non è grande terrore, perchè appunto non muoiono di caldo. Come sta altrove cominciando a succedere.

Invece io consiglierei a queste persone di fare una gita fuori porta (di casa) una gita in campagna a chiedere come sta andando. A scoprire com'è quando il caldo produce molti più animali patogeni per le piante, la siccità ammazzi la produzione, a scoprire come funziona quando per più di un anno un certo raccolto non c'è, cosa vuol dire quando le api muoiono per tutto il resto.

Torna in alto