Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (direttore Catholic Center Giordania): “Religioni e Stati insieme per la fratellanza umana”

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (di…

“Bisogna lavorare insieme...

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, incontro a Cagliari

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, …

Si è svolto giovedì 28 no...

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia, Emirati Arabi Uniti

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia…

Si è tenuto lo scorso 16 ...

Le imprenditrici degli Emirati Arabi Uniti approdano nel Regno Unito

Le imprenditrici degli Emirati Arab…

Diciassette imprenditrici...

Onu, emancipazione femminile e Emirati Arabi Uniti

Onu, emancipazione femminile e Emir…

Anita Bhatia, vicediretto...

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su Dubai per promuovere la tolleranza

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su …

Gli Emirati Arabi Uniti e...

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

Dare forma alla politica estera nel…

La scorsa settimana ha se...

La protezione della famiglia al centro delle politiche degli Emirati Arabi Uniti

La protezione della famiglia al cen…

Il governo degli Emirati ...

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a Expo Dubai

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a…

Dal 20 ottobre 2020 al 10...

Donne e diritti, in Sardegna e negli Emirati Arabi Uniti

Donne e diritti, in Sardegna e negl…

La conferenza La partecip...

Prev Next
A+ A A-

Giordania: la necessità di rivedere politiche e procedure

Giordania: la necessità di rivedere politiche e procedure

Stiamo andando nella giusta direzione per un futuro migliore? Questa è la domanda più frequente fatta oggi dalla maggior parte dei giordani. Sfortunatamente, gli indicatori socioeconomici non lasciano molto spazio all'ottimismo. Il debito pubblico e il deficit di bilancio stanno aumentando rapidamente, accompagnati da storie su come vengono spesi i soldi pubblici e chi è responsabile. Mentre stiamo raggiungendo il 100 ° anniversario della fondazione della Giordania nella sua attuale entità politica, la revisione a tutti i livelli sembra essere d'obbligo.

Forse non sorprende, nel generale livellamento del malcontento in Giordania, arrivare alla scintilla delle proteste. In realtà, questo non è nuovo per la Giordania e ha fatto parte della cultura politica giordana almeno dal 1989. Il fallimento nel trovare una soluzione reale a molte questioni in sospeso, come la riforma, la corruzione, ecc., Era dovuto alla visione limitata che negava e rifiutava di affrontare il problema fin dall'inizio. In realtà, alcuni consideravano le proteste popolari un conflitto temporaneo e superficiale che può essere risolto con misure di routine. Tuttavia, questo ha trasformato il conflitto in uno in crescita latente, e allo stesso tempo ha trasformato molte concezioni nella mente delle persone in apparenza come solide convinzioni.

Come osservatore, credo che questo governo attuale dovrebbe fare di più per contrastare le sfide che la Giordania deve affrontare. Ciò aprirebbe la porta a molte domande, soprattutto se il continuo rimpasto del governo si basa su visioni strategiche o interessi nazionali. È importante per lo stato giordano accentuare la necessità di concentrarsi su questioni fondamentali, come la ridistribuzione del potere tra la società e lo stato, in cui i cittadini si sentono coinvolti nel processo decisionale, in particolare in questioni che hanno un impatto diretto sulla loro vita, tra cui, ma non limitato a: adeguamenti dei prezzi, tassazione, fissazione dei salari, inflazione, banca politica, progetti strategici e leggi elettorali.

È imperativo che le persone siano coinvolte nei processi piuttosto che ascoltare voci o leggere le decisioni successivamente sui media. Vi è l'urgente necessità di disporre di una chiara tabella di marcia con misure concrete al fine di ottenere un reale cambiamento tangibile in Giordania. Il governo deve incrementare gli investimenti nel settore agricolo e nelle partnership industriali per garantire posti di lavoro e sicurezza economica nella regione.

I problemi economici della Giordania non stanno aiutando. È necessaria una riforma industriale ed economica su vasta scala per coinvolgere le persone in una nuova economia che dia loro speranza e senso di controllo sulle loro vite. Con la ricostruzione della Siria e dell'Iraq, la Giordania deve posizionarsi con progetti agricoli, energetici e logistici su larga scala per alimentare, alimentare e rifornire la regione nel suo futuro. È importante ricordare che il cambiamento non può mai essere ottenuto con gli stessi vecchi strumenti. Essere innovativi è il primo passo nel lungo processo di cambiamento, quindi trovo molto interessante concludere citando Virginia Woolf:"Possiamo aiutarti meglio a prevenire la guerra non ripetendo le tue parole e seguendo i tuoi metodi ma trovando nuove parole e creando nuovi metodi".

Torna in alto