Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Friends” festeggia il 25esimo compleanno

“Friends” festeggia il 25esimo comp…

Quando è stato lanciato i...

Expo2020: il regalo di Dubai al mondo

Expo2020: il regalo di Dubai al mon…

Si avvicina l’inizio di u...

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero met…

Non vi è dubbio che il li...

Guerra in Libia, il ruolo degli Emirati Arabi nel conflitto

Guerra in Libia, il ruolo degli Emi…

Nel difficile contesto li...

Gli Emirati Arabi Uniti condannano il piano di annessione di Netanyahu

Gli Emirati Arabi Uniti condannano …

Le monarchie del Golfo co...

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la sfida allo spazio

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la…

L’obiettivo degli Emirati...

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Quando il semplice rischio si trasf…

Il trattamento degli inse...

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

PIÙ ANTICIPAZIONI DI TESO...

LO YOGA DEL SOGNO

LO YOGA DEL SOGNO

È possibile rimanere cosc...

Era il 3 settembre 1982

Era il 3 settembre 1982

In data 03 Settembre 1982...

Prev Next
A+ A A-

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

Lo scorso 29 ottobre si sono riuniti in Assemblea tutte le lavoratrici ed i lavoratori di Agecontrol, presenti presso la sede di Roma e le sedi periferiche, per discutere in merito alla preoccupante situazione derivante dalla mancata erogazione del finanziamento di Agecontrol da parte del socio unico.

La negazione del contributo previsto nel bilancio dello Stato ed approvato – con il programma di attività – da parte di Agea lo scorso luglio, sembra perseguire l’obiettivo dell’immediato blocco delle attività di controllo da parte di Agecontrol, operazione che di fatto causa la fattispecie dell’interruzione di pubblico servizio per le attività disciplinate dalla legge n. 71/2005, che prevede: “l’AGEA è l’autorità nazionale responsabile delle misure necessarie per assicurare l’osservanza delle nome comunitarie relative ai controlli di conformità o alle norme di commercializzazione nel settore degli ortofrutticoli avvalendosi dell’Agecontrol”.

L’Assemblea ha evidenziato il danno sociale ed economico derivante dalla mancata erogazione del contributo, di seguito sintetizzato:

  1. il blocco delle attività dell’Agecontrol relative alle importazioni e alle esportazioni dei prodotti ortofrutticoli freschi, che avrà come conseguenza il mancato rilascio dei certificati prodromici alle attività doganali, creando problemi seri al mercato ortofrutticolo nazionale, a danno soprattutto dei consumatori e degli operatori del settore;
  2. il blocco dei controlli per gli aiuti agli indigenti, del Fondo nazionale e comunitario, avrà come conseguenza la sospensione dei controlli qualitativi e quantitativi su tutte le forniture in corso; le ditte aggiudicatarie vedrebbero venir meno il pagamento delle forniture da parte di Agea perché la stessa non avrebbe – da parte di Agecontrol – lo stato di avanzamento dei lavori e non potrebbe procedere al pagamento per milioni di euro;
  3. l’interruzione dei controlli relativi a quelli di primo e secondo livello, quelli ex post, il Fep ed il Feamp, produrrà ulteriori correzioni finanziarie da parte della Comunità europea che andranno a gravare sul bilancio dello Stato;
  4. Il blocco dei controlli sui Centri di Assistenza Agricola (CAA) produrrà, l’impossibilità per questi di procedere, in caso di avvenuto controllo con esito negativo, alla “correttiva”, con la conseguenza che non potranno “sanare”, entro i 30 giorni successivi al primo controllo, le anomalie riscontrate in corso di “prima verifica”.

L’Assemblea ha quindi deciso di valutare sin dalle prossime settimane tutte le iniziative che si riterranno necessarie per tutelare i consumatori e i dipendenti, oltre che a chiedere attraverso le OO.SS. e le RSU un incontro urgente al Ministro CENTINAIO per le determinazioni opportune alla risoluzione ed alla conclusione dell’iter legislativo di riforma.

La CEUQ e la USB – Lavoro privato ritengono necessario dare informazione all’opinione pubblica della realtà dei fatti, perché siano chiare le responsabilità e come vengono gestite le risorse pubbliche e quanto grandi siano i problemi per i cittadini, gli agricoltori e il Paese.

La CEUQ e la USB – Lavoro privato chiedono, quindi, al Ministro CENTINAIO alcune immediate risposte, nelle more dell’adozione della Riforma  consequenziale all’entrata in vigore del D.Lgs. n. 74/2018 (c.d. riforma di Agea)

Torna in alto