Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“La felicità del cactus”, di Sarah Haywood

“La felicità del cactus”, di Sarah …

Ferragosto è passato e se...

Buon compleanno Telegram: sei anni di lotta per la libertà

Buon compleanno Telegram: sei anni …

“Buon compleanno Telegram...

La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

Prev Next
A+ A A-

1 minuto di silenzio noi lo osserviamo così

1 minuto di silenzio noi lo osserviamo così

Siamo stanchi di osservare minuti di silenzio, stanchi di ritrovarci a scrivere e commentare fatti che in un paese normale non dovrebbero avvenire. Abbiamo scelto 1 mese di silenzio. Il nostro mensile prima cartaceo poi evolutosi in digitale non ha scopo di lucro ed ha scelto il silenzio sacrificando assieme ai propri lettori 30 giorni di contenuti. Ci siamo fermati ma siamo ripartiti. Le persone che erano su quel ponte si sono dovute fermare per sempre senza la possibilità di scegliere che è invece la fortuna che abbiamo noi.

La scelta è di ripartire, ripartire così come il paese che si è fermato in un certo senso sul Polcevera deve rialzarsi ed iniziare a correre. « In un certo senso » perché l’Italia non si è mai fermata: quando eventi come questo sconvolgono la quotidianità squadre di soccorritori corrono ed operano al meglio senza se e senza ma. Meritiamo un paese all’altezza dei nostri sogni e forse il miglior modo per realizzarlo è fare meglio quello che stavamo facendo. Il vento è cambiato, fischia sempre ma in maniera diversa, o forse fischia e basta perché prima c’era solo la bufera.

Torna in alto