Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

Prev Next
A+ A A-

La morte dello Stato di Diritto

La morte dello Stato di Diritto

Lo stato di diritto è morto tanto tempo fa. 

Piano piano, in questi mesi, escono tutte le magagne che mostrano come lo stato di diritto sia stato cacciato dall’Italia, insieme alla democrazia, negli ultimi cinquant’anni (o forse più) da governi variamente colorati. Ridicolo vedere quanti ora rinfacciano al Governo, in nome di quello stato di diritto, la sua la marcia indietro sulla revoca delle concessioni autostradali. Ridicolo e buffonesco perché costoro partono dal principio che quelle regole si fondano sullo stato di diritto, che tutela i diritti dei cittadini. 

Ma che stato di diritto è quello che secreta i contratti delle concessioni? Che paga coi soldi dei cittadini i servizi senza rendere trasparenti costi e senza mostrare i conti? 

E quello delle Autostrade è solo l’ultimo degli esempi.

Lo stato di diritto è crollato allora, quando una classe politica farlocca, deideologizzata, si è tutelata perennemente, insieme ai sui amici paganti, costruendosi attorno un sistema impantanato di regole che si rinforzano a vicenda, utile a garantire i propri interessi privati, senza necessità di rendere conto ad alcuno “in nome della legge”, santificando la norma e la regola come se avesse valore in sé e non fosse un semplice strumento di governo. 

Così è morto lo stato di diritto, divenuto un simulacro formale di norme da rispettare in quanto tali. 

E se non è morto è agonizzante, tanto che è caritatevole finirlo per superarlo in una diversa forma.

Perché il risultato è che oggi appellarsi al rispetto della norma significa perpetuare l’interesse di chi quella norma l’ha costruita a proprio vantaggio. 

Lo stato di diritto è morto allora insieme alla democrazia che si è tramutata nella farsa oligarchica dei reggenti parlamentari scelti da organizzazioni private che si sono chiamate partiti. 

La questione oggi è quella di riappropriarsi di quei diritti, che devono tornare ai cittadini, avendo il coraggio di superare le norme con l’azione, ricordando che chi sbandiera la tutela dello stato di diritto o sta facendo gli interessi dei pochi che quelle regole hanno dato a tutti o non ha capito lo stato delle cose o gli vanno bene le comodità acquisite. 

Il diritto sta nel Parlamento e non nella necessaria applicazione delle norme.

Torna in alto