Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Se Vittorio Sgarbi diventa Presidente del MART

Se Vittorio Sgarbi diventa Presiden…

O lo si ama, o lo si odia...

DAJE MATTE’

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Sa...

Game of Thrones: 3 motivi per non farne a meno

Game of Thrones: 3 motivi per non f…

NO SPOILER! L’attesa è f...

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con conse…

E’ quasi passato un anno ...

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTEL CON LA VOSTRA CULTURA?

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTE…

Pagare con la cultura? Or...

INTERVISTA A MAX MATTEI

INTERVISTA A MAX MATTEI

Appassionato sin da giova...

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Giornata mondiale della consapevole…

"Anche se per me è diffic...

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane ch...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Prev Next
A+ A A-

DITELO A MATTARELLA…

DITELO A MATTARELLA…

Ebbene sì! Dopo il risultato  delle elezioni politiche del 4 marzo e dopo  l’estenuante quanto difficoltosa trattiva per trovare un accordo per iniziare la legislatura e dare un governo al paese; 

sentite, sentite…..il presidente incaricato Giuseppe Conte è costretto a rimettere il mandato ricevuto dal presidente della repubblica perché quest’ultimo non intende nominare, per le idee espresse sulla gestione dell’economia e sulla politica monetaria dell’Unione europea,  il Prof. Paolo Savona ministro dell’Economia; paventando, peraltro, in quali rischi sarebbero incorsi i risparmiatori italiani.

Qualcuno lo dica al presidente che, anziché giocare il suo ruolo con questa anomala modalità, avrebbe sempre avuto l’arma di non promulgare le leggi qualora queste avessero contenuto previsioni palesemente irritanti gli interessi di Germania e Francia; e i cittadini italiani avrebbero comunque avuto un governo legittimato dal risultato delle urne. 

Invece, lo spread ! “orribile parola “, il differenziale o meglio la forbice di rendimento dei titoli di stato italiani rispetto a quelli tedeschi si è comunque allargata, salendo molto oltre i 200 punti.

 Su questa decisione scellerata quanto poco consona al valore dell’istituzione rappresentata, rafforzata dall’indimostrata motivazione delle speculazioni finanziarie che avrebbero messo a repentaglio il risparmio degli italiani, occorre che qualcuno ricordi al presidente della repubblica che stando ai dati della Banca d’Italia la ricchezza finanziaria delle famiglie italiane ammonta a ben 4.117 miliardi di euro, così ripartiti: 

1.100 miliardi depositi bancari; 442 miliardi in titoli obbligazionari (dei quali 131,5 del debito pubblico e 187 obbligazioni bancarie); 456 miliardi in fondi comuni; 957 miliardi in azioni italiane ed estere; 864 miliardi in assicurazioni e fondi pensione; 297 miliardi in altre attività (conti postali, biglietti e monete ecc.). 

La distribuzione della ricchezza continua ad essere piuttosto squilibrata: in Italia ci sono oltre 281mila famiglie che dispongono di patrimoni finanziari superiori al milione di euro e purtroppo oltre 5 milioni di famiglie povere, che a mala pena riescono ad accantonare piccole somme tra i 5 e i 10mila euro.

Se i dati statistici nella loro freddezza fotografano la realtà; siamo indiscutibilmente in presenza di una alzata del presidente della repubblica, il quale ha preso a pretesto i cittadini, ma in realtà vuole difendere quell’esigua minoranza demografica (281mila famiglie) detentrice di quasi tutto il potere finanziario ed economico. 

Mentre, il resto della popolazione rimane affamato dalle sciagurate politiche del governo e dei sindacati, non a caso sono stati tutti d’accordo a non raccontare che dopo 10 anni di mancati rinnovi contrattuali, 3 milioni di pubblici dipendenti hanno risposto all’insulto costituito dagli 85 € di aumento decapitando alle urne il partito democratico.

Ricordiamoci un recente passato della nostra Italia: il boom economico degli anni ’50 e ’60, purtroppo esso è ormai un ricordo. Allora non c’erano i soldi, ma c’era la volontà di fare impresa. Oggi ci sono i soldi, ma dormono sui conti di quelle 281mila famiglie.

Un vero peccato. Anzi un vero omicidio.

Domenico Pavone

Teramo 29/05/2018

 

Torna in alto