Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Uccisa la giornalista investigativa Daphne Caruana Galizia

Uccisa la giornalista investigativa…

MALTA - Si chiamava Daphn...

ITALIANITA'

ITALIANITA'

Dobbiamo una immensa grat...

Innovazione? La risposta è Telegram - intervista a Rachele Zinzocchi

Innovazione? La risposta è Telegram…

Chi è Rachele Zinzocchi? ...

LA DANZA DELLA MEDITAZIONE E LO  YOGA DEL MOVIMENTO

LA DANZA DELLA MEDITAZIONE E LO YO…

La via tibetana alla salu...

Ricevuta e pubblicata:Lettera al Ministro dell'Interno

Ricevuta e pubblicata:Lettera al Mi…

 Gentile Ministro, molti...

Premio miglior tesi di laurea "la violenza sulle donne"

Premio miglior tesi di laurea …

ASSEGNAZIONE DEL PREMIO M...

Pescara del Tronto non si ricostruisce con le parole

Pescara del Tronto non si ricostrui…

“Le persone che hanno per...

PERFIDA ALBIONE, MA LA REGINA ESAUDIRA’ UNA CERTA PETIZIONE?

PERFIDA ALBIONE, MA LA REGINA ESAUD…

              Perfida Alb...

LEGGE ELETTORALE: OVVERO L’EMENDAMENTO IMPOSSIBILE

LEGGE ELETTORALE: OVVERO L’EMENDAME…

     Dalla caduta del mur...

EPHEBIA FESTIVAL 2017

EPHEBIA FESTIVAL 2017

L’Associazione di promozi...

Prev Next
A+ A A-

Pescara del Tronto non si ricostruisce con le parole

foto EEC PRESS foto EEC PRESS

“Le persone che hanno perso i propri cari nel crollo delle case di Pescara del Tronto meritano maggiore rispetto”, lo afferma Sergio Giangregorio portavoce dell’Associazione dei familiari delle vittime del terremoto “Iostoconpescaradeltronto” a margine della commemorazione ufficiale del 24 agosto. “Non è possibile” ha proseguito Giangregorio” che negli incontri istituzionali in cui vengono ricordate le vittime del sisma ai familiari non sono riservati neppure dei posti a sedere. Senza parlare dell’inerzia dei politici ormai capaci soltanto di presenziare agli eventi. Le parole da sole non bastano. Occorre fare presto ed iniziare i processi della ricostruzione altrimenti il centro Italia morirà”. Tali dichiarazioni riportate da una nota dell'agenzia di stampa EECPRESS si aggiungono alle iniziative che l'associazione sta portando avanti intenta a difendere i diritti dei familiari delle vittime nel difficile percorso di ricostruzione.

Il presidente è Patrizia Marano che ha perso nel terremoto il figlio Tommaso di 14 anni, il marito Alberto, la madre Santa, il padre Corrado ed il cognato Vito. E' rimasta 5 ore sotto le macerie uscendone viva ma con delle ferite insanabili. La vice-presidente dell'associazione è Vitaliana Umbro che ha perso nel sisma il marito Vito, il fratello Alberto ed il nipote Tommaso ed è stata per tutti la nonna coraggio di Pescara del Tronto per aver salvato sotto di lei i nipoti Samuele e Leone. La famiglia di Patrizia e Vitaliana è stata sterminata dal terremoto ed hanno dovuto associarsi per essere ascoltate. In pochi hanno dato aiuto in questo durissimo anno a Patrizia e Vitaliana. Hanno avuto soltanto il sostegno ed il conforto del Vescovo di Ascoli, del suo segretario Don Alberto, dell'Arcivescovo di Matera Monsignor Caiazzo e del Presidente di Rinnovamento per lo Spirito Santo Salvatore Martinez. Il mondo religioso è stato presente ma le istituzioni e la politica le hanno dimenticate in fretta. Iostoconpescaradeltronto vuole essere interlocutore con gli Enti locali e con le istituzioni centrali per tutelare i diritti di chi ha perso i propri cari e le abitazioni e non era residente. Sui social sono diventati virali i video che l'associazione ha realizzato e pubblicato su Facebook. Nell'ultimo si possono leggere i nomi delle vittime che rimarranno per sempre impressi nei cuori dei superstiti e di tutti i cari che ancora in vita hanno scelto di combattere per non far vivere ad altri il dolore che sono stati costretti a subire. Basta con le parole che nulla ricostruiscono è il senso del messaggio che si vuole far passare.

Articoli correlati (da tag)

Torna in alto