Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAO…

Abbiamo deciso di pubblic...

I bandi de La Biennale di Venezia che i dj e i producers non devono farsi scappare

I bandi de La Biennale di Venezia c…

La Biennale di Venezia no...

Ventiquattro anni dalla morte di Mia Martini

Ventiquattro anni dalla morte di Mi…

Ogni morte è a sé, ma que...

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIO…

Non esiste città come Fir...

L’apoteosi del genio italiano: 500 anni dalla morte di Leonardo

L’apoteosi del genio italiano: 500 …

Roma, 27 apr – «Nacque un...

Dalle Marche la Lettera al presidente Tajani

Dalle Marche la Lettera al presiden…

Riceviamo e pubblichiamo ...

Prev Next
A+ A A-

CIAO LEARCO

CIAO LEARCO

Quando ho saputo sabato che eri volato via ho capito quanto grande è stato il tuo coraggio di sognare una società migliore.

Sei stato un uomo delle Istituzioni in carne ed ossa, capace di ammettere le proprie imperfezioni,  ed è per questo che ti abbiamo amato così tanto.

Non bisogna commettere l’errore  di ricordarti come una personalità lontana dalla gente, in una prospettiva priva di vita vera.

Learco  caro, anche ricoprendo incarichi di grande responsabilità hai resistito a questo stereotipo ed hai sempre condiviso con noi i tuoi dubbi, le tue paure, i tuoi calcoli ed insieme le tue vittorie.

Nessuno spegne mai il motore quando è in coda in galleria, perché è come riconoscere che l’attesa sarà lunga, è come rinunciare alla speranza, e tu non hai mai spento il motore ed hai avuto sempre la voglia di correre il rischio di vivere i sogni e le speranze di ciascuno e di tutti.

Oggi ti siamo venuti a salutare in tanti, con gli occhi lucidi, con l’orgoglio di aver percorso un po’ di strada insieme e con la commozione adulta di chi sa di aver perso l’amico con cui dividere tutto quello che succederà domani.

Grazie Learco per le tue parole dette e per quello che ci dici, ancora qui, senza più parole. 

Torna in alto