Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

Dare forma alla politica estera nel…

La scorsa settimana ha se...

La protezione della famiglia al centro delle politiche degli Emirati Arabi Uniti

La protezione della famiglia al cen…

Il governo degli Emirati ...

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a Expo Dubai

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a…

Dal 20 ottobre 2020 al 10...

Donne e diritti, in Sardegna e negli Emirati Arabi Uniti

Donne e diritti, in Sardegna e negl…

La conferenza La partecip...

Il presidente del consiglio degli Emirati Arabi incontra papa Francesco

Il presidente del consiglio degli E…

Shaykh Abdallah bin Bayya...

Convegno “Sviluppo del 5G tra competitività e sicurezza nazionale”

Convegno “Sviluppo del 5G tra compe…

Si è tenuto presso la Cam...

Medio Oriente: la strada per la stabilità passa per gli Emirati Arabi Uniti

Medio Oriente: la strada per la sta…

La crisi che interessa il...

Missione nello spazio: Hazza Al Mansoori torna sulla terra

Missione nello spazio: Hazza Al Man…

È tornato sulla terra gio...

Verso Expo 2020 – Il messaggio globale delle Nazioni Unite

Verso Expo 2020 – Il messaggio glob…

Anche le Nazioni Unite mi...

POLITICA INTERNAZIONALE. Gli Emirati Arabi e il ruolo delle donne nella ricostruzione postbellica

POLITICA INTERNAZIONALE. Gli Emirat…

La missione permanente de...

Prev Next
A+ A A-

L'FBI non ha più bisogno di Apple per sbloccare l'iPhone di San Bernardino

Foto www.secoloditalia.it Foto www.secoloditalia.it

UPDATE: Alle ore 4.30PM PST di lunedì, l’udienza è stata cancellata.

Fonte: http://motherboard.vice.com/ di Sarah Jeong (contributing editor)

 

Per settimane, Apple e FBI si sono preparate per l’udienza programmata per il 22 marzo in cui si sarebbe discusso dello sblocco di un iPhone coinvolto nelle indagini sugli attentati di San Bernardino. Lunedì, meno di 24 ore prima dell’udienza, il Dipartimento di Giustizia ha avanzato una richiesta dell’ultimo minuto per l’annullamento dell’udienza.

Il governo ha cercato di obbligare Apple a collaborare con l’FBI per l’analisi e la perquisizione dell’iPhone appartenuto a Syed Rizwan Farook—L’ordinanza richiedeva ad Apple di bypassare i sistemi di sicurezza che lei stessa aveva costruito e di scrivere un software apposta per l’FBI, che l’agenzia governativa potesse utilizzare per infiltrarsi nel sistema Apple. La richiesta si è rapidamente trasformata in una battaglia legale e di pubbliche relazioni a tutti gli effetti tra l’azienda e l’autorità federale. L’udienza del 22 marzo doveva essere un punto di svolta cruciale per l’intera vicenda, tanto che erano state prenotate tre sale per poter ospitare tutto il pubblico.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, questa domenica, “una terza parte ha dimostrato all’FBI un possibile metodo per sbloccare l’iPhone di Farook.” in altre parole, l’FBI potrebbe non avere bisogno dell’aiuto di Apple per accedere a qualsiasi informazione contenuta sul telefono.

Il governo ha affermato che sono necessarie ulteriori prove per verificare che il metodo “possa essere effettivamente utilizzabile e non vada a compromettere i dati sul telefono di Farook,” ma fino a quando questi aspetti non saranno chiarificati, l’udienza dovrebbe essere cancellata immediatamente.

Secondo la documentazione compilata dal governo. lo US Attorney ha contattato gli avvocati di Apple alle 2.45PM di lunedì per “richiedere la posizione di Apple” sulla mozione per rimandare l’udienza.

Torna in alto