Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Ciao Antonio

Ciao Antonio

"Se potessi fermare il te...

Riceviamo e pubblichiamo: lettera aperta al Ministro per la Pubblica Amministrazione

Riceviamo e pubblichiamo: lettera a…

LETTERA APERTA AL MINISTR...

Allerta USA su spionaggio dalla CINA

Allerta USA su spionaggio dalla CIN…

Quante aziende tecnologic...

Black Friday e test del DNA

Black Friday e test del DNA

Eccoci ci siamo è in arri...

Riconoscere un profilo fake

Riconoscere un profilo fake

Quante volte abbiamo sent...

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

Lo scorso 29 ottobre si s...

EUROCAMP

EUROCAMP

"Le opportunità dei nuovi...

Cerimonia in onore di NAMKHAI NORBU - 3 Ottobre (Merigar)

Cerimonia in onore di NAMKHAI NORBU…

Si è svolta mercoledì 3 O...

1 minuto di silenzio noi lo osserviamo così

1 minuto di silenzio noi lo osservi…

Siamo stanchi di osservar...

Il dolore e la rabbia

Il dolore e la rabbia

EEC Press - Il presidente...

Prev Next
A+ A A-

LA TRAPPOLA DI TRIPOLI

LA TRAPPOLA DI TRIPOLI

Secondo indiscrezioni interne la nostra intelligence sta preparando varie opzioni di intervento che devono obbligatoriamente considerare i maggiori fattori di rischio per una missione in Libia con truppe di terra.

Tripoli e le zone limitrofe vengono gestite dal governo locale con una apparente normalità, nelle principali città, le amministrazioni locali permettono una vita sociale con stabilità, ma è difficile capire chi comanda davvero.

Khalifa Al Ghwell governa supportato da una propria milizia con l'appoggio esterno della Fratellanza Musulmana e con i berberi di Zuwarahi, ma non è solo al comando, c'è anche Hashim Bishr con la sua numerosa polizia privata in grado di spostare a suo piacimento le alleanze ed i rapporti di forza in Tripolitania.
Infine, c'è Abdul Raouf Kara, uomo forte dell' area, rigido 
salafita e nemico di Daesh, a capo di una significativa milizia "la rada Forces " letteralmente (forze di deterrenza) .
Sono questi tre uomini che determinano la stabilità in relazione ai propri interessi, e con loro occorre trovare un solido accordo prima di entrare nel territorio libico.
Le città intorno a Tripoli sono invece ostaggio delle varie tribù, formalmente alleate, ma sempre pronte a rinnegare ogni patto per procedere singolarmente con attività militari che possono creare vantaggi.
Infine, problema non trascurabile l'unico aeroporto utilizzabile è quello di Mitiga, controllato da Kara, quindi 
un’intesa con lui diventa una priorità assoluta.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto