Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAO…

Abbiamo deciso di pubblic...

I bandi de La Biennale di Venezia che i dj e i producers non devono farsi scappare

I bandi de La Biennale di Venezia c…

La Biennale di Venezia no...

Ventiquattro anni dalla morte di Mia Martini

Ventiquattro anni dalla morte di Mi…

Ogni morte è a sé, ma que...

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIO…

Non esiste città come Fir...

L’apoteosi del genio italiano: 500 anni dalla morte di Leonardo

L’apoteosi del genio italiano: 500 …

Roma, 27 apr – «Nacque un...

Dalle Marche la Lettera al presidente Tajani

Dalle Marche la Lettera al presiden…

Riceviamo e pubblichiamo ...

Prev Next
A+ A A-

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: LE BUCHE A ROMA

Alberto Reitano Alberto Reitano

Salve, mi chiamo Alberto Reitano chiaramente mi rivolgo al Comune di Roma e a chi lo gestisce, sono lo stesso  motociclista che manifestò scrivendo sull’evento riguardante i  110 anni della Harley Davidson, fortunatamente esiste questo “ Magazine “ che da voce alle osservazioni dei cittadini a differenza di altre testate.

 

Ieri  sera,  passando per via di Torre Maura e ripartendo dal semaforo a distanza di 200 metri circa, improvvisamente, mi trovavo la strada sbarrata da un cartello che limitava la velocità a 30 km orari, soltanto che lo stesso si trovava attaccato alle transenne che occupavano metà carreggiata per evitare di cadere in una grossa buca.

La stessa cosa si ripeteva dopo 40 metri dalla prima buca, un altro cartello ugualmente attaccato ad altre transenne con un cartello blu senza senso.

Ma non andavano posizionati molto prima? Allora, sperare in un intervento del Comune di Roma sarebbe miracoloso,  ma non credo che avvenga almeno fino a quando qualcuno non caschi dentro le buche.

Le foto allegate chiariscono bene gli errori fatti nel segnalare i pericoli descritti.

Come nella lettera precedente non meritate neppure i saluti di rito.

Dimenticavo,  un mese fa noi motociclisti abbiamo fatto un giro in città manifestando contro le buche, come al solito il Comune di Roma non si è smentito e tutto è rimasto com’era.

 

Alberto Reitano    

 

 


Altro in questa categoria: « LA FRANCIA SOTTO ATTACCO BAD BANK »
Torna in alto