Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Riconoscere un profilo fake

Riconoscere un profilo fake

Quante volte abbiamo sent...

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

Lo scorso 29 ottobre si s...

EUROCAMP

EUROCAMP

"Le opportunità dei nuovi...

Cerimonia in onore di NAMKHAI NORBU - 3 Ottobre (Merigar)

Cerimonia in onore di NAMKHAI NORBU…

Si è svolta mercoledì 3 O...

1 minuto di silenzio noi lo osserviamo così

1 minuto di silenzio noi lo osservi…

Siamo stanchi di osservar...

Il dolore e la rabbia

Il dolore e la rabbia

EEC Press - Il presidente...

La morte dello Stato di Diritto

La morte dello Stato di Diritto

Lo stato di diritto è mor...

La prima "spedizione solare" in Artico

La prima "spedizione solare…

MobileReporter fa la sua ...

Il crollo dello Stato a Genova

Il crollo dello Stato a Genova

Ieri a Genova è crollato ...

IL CEOS APRE A CASTELVECCHIO SUBEQUO LA SEDE DELLA REGIONE ABRUZZO

IL CEOS APRE A CASTELVECCHIO SUBEQU…

La vita sociale nel nostr...

Prev Next
A+ A A-

LA LOTTA SARA' LUNGA E DIFFICILE

LA LOTTA SARA' LUNGA E DIFFICILE

La lettera inviata da Giovanni Falcone l'11/02/83 alla signora Gheraldina Piazza, nipote del giudice Terranova, in risposta a una lettera inviatagli all'indomani dell'omicidio del prefetto Dalla Chiesa.

E' stata pubblicata da "la Repubblica".

Palermo 11.2.1983

Gentilissima signora,

La prego di scusarmi se rispondo con ritardo alla sua graditissima lettera, inviatami all’indomani dell’omicidio del prefetto Dalla Chiesa.

Le sue parole mi hanno realmente commosso e Le sono grato per le espressioni di stima e di considerazione, certamente superiori ai miei meriti.

Adesso, dopo qualche mese dal barbaro eccidio, è forse lecito sperare che qualcosa stia lentamente cambiando e che la società cominci a comprendere l’estrema gravità del fenomeno mafioso e ciò costituisce presupposto indispensabile per sconfiggere la mafia.

Naturalmente, non ci si deve illudere: la lotta sarà lunga e difficile ed è probabile che sarà versato il sangue di altri servitori dello Stato, colpevoli solo di avere compiuto il proprio dovere in un momento in cui non tutti si comportano allo stesso modo.

In questa difficilissima situazione le espressioni di solidarietà e di adesione che lei ha sentito di rivolgermi, non soltanto costituiscono un conforto ed uno stimolo, ma costituiscono la migliore conferma dell’esigenza di una forte zona della società che respinge con sdegno qualsiasi tipo di convivenza con la mafia, autentica vergogna nazionale.

Con viva cordialità


Giovanni Falcone

Torna in alto