Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival ...

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un murales. La famiglia:"Non è mai stato minaccia"

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un…

Vicino all'ambasciata d'E...

Le mani della Turchia sul Mediterraneo

Le mani della Turchia sul Mediterra…

La mire espansionistiche ...

Verità per Giulio

Verità per Giulio

Oggi 3 febbraio 2020 ri...

A febbraio il Breakbulk Middle East a Dubai, evento top per trasporto e logistica

A febbraio il Breakbulk Middle East…

Per il secondo anno conse...

Nucleare, prima centrale negli Emirati Arabi Uniti

Nucleare, prima centrale negli Emir…

Nucleare – Gli Emirati Ar...

Turchia e dintorni. Turchia campione dei non diritti umani

Turchia e dintorni. Turchia campion…

Che la Turchia stia attra...

1917

1917

È difficile raccontare la...

"Minchia Signor Tenente" in scena al Teatro degli Astri di Roma

"Minchia Signor Tenente" …

Dal 31 gennaio al 2 febbr...

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

Non ho mai amato troppo l...

Prev Next
A+ A A-

LA LOTTA SARA' LUNGA E DIFFICILE

LA LOTTA SARA' LUNGA E DIFFICILE

La lettera inviata da Giovanni Falcone l'11/02/83 alla signora Gheraldina Piazza, nipote del giudice Terranova, in risposta a una lettera inviatagli all'indomani dell'omicidio del prefetto Dalla Chiesa.

E' stata pubblicata da "la Repubblica".

Palermo 11.2.1983

Gentilissima signora,

La prego di scusarmi se rispondo con ritardo alla sua graditissima lettera, inviatami all’indomani dell’omicidio del prefetto Dalla Chiesa.

Le sue parole mi hanno realmente commosso e Le sono grato per le espressioni di stima e di considerazione, certamente superiori ai miei meriti.

Adesso, dopo qualche mese dal barbaro eccidio, è forse lecito sperare che qualcosa stia lentamente cambiando e che la società cominci a comprendere l’estrema gravità del fenomeno mafioso e ciò costituisce presupposto indispensabile per sconfiggere la mafia.

Naturalmente, non ci si deve illudere: la lotta sarà lunga e difficile ed è probabile che sarà versato il sangue di altri servitori dello Stato, colpevoli solo di avere compiuto il proprio dovere in un momento in cui non tutti si comportano allo stesso modo.

In questa difficilissima situazione le espressioni di solidarietà e di adesione che lei ha sentito di rivolgermi, non soltanto costituiscono un conforto ed uno stimolo, ma costituiscono la migliore conferma dell’esigenza di una forte zona della società che respinge con sdegno qualsiasi tipo di convivenza con la mafia, autentica vergogna nazionale.

Con viva cordialità


Giovanni Falcone

Torna in alto