Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

Prev Next
A+ A A-

GUERRIGLIA AL CENTRO DI ROMA..... PER UNA PARTITA DI CALCIO!!!

Questi adesivi sono stati attaccati su pali e muri della città Questi adesivi sono stati attaccati su pali e muri della città

A causa di una partita di calcio, a Roma in piazza di Spagna, si è scatenata una guerriglia urbana.

Gli hooligans del Feyenoord, tutti ubriachi, hanno lanciato fumogeni, devastato auto e motorini, costretto i commercianti della zona a chiudere i negozi per paura. La “Barcaccia”, una delle più famose fontane del mondo, la foto ricordo che tutti portiamo a casa, è stata brutalmente vandalizzata sotto gli sguardi impotenti dei malcapitati agenti della Polizia.

I vandali, dopo aver usato la fontana come una pattumiera, hanno pensato bene di usare l’ingresso della stazione metro di Piazza di Spagna come wc.

Questa la cronaca di due giorni di tensioni, con un bilancio, comunicato dalla Questura di 28 tifosi arrestati, 5 contusi e 13 agenti feriti, per una semplice partita di calcio.

Il sindaco Marino ed il premier Renzi hanno comunicato il loro disappunto.

Ma a cosa serve l’ira tardiva dei nostri politici, quando le stesse scene si ripeteranno a Roma o in qualche altra città italiana? Ed il ministro Alfano dov’era mentre succedeva tutto? Negli Stati Uniti a parlare, con altri 70 paesi, di “sicurezza”. Quale sicurezza? Quella della sua poltrona?

Mentre il centro della nostra capitale è stato devastato per ore dai teppisti olandesi (popolo del nord Europa notoriamente civilizzato) che facevano le forze dell’ordine? 

È bastato qualche migliaio di ultras per mettere a ferro e fuoco Roma, gli hanno permesso tutto, hanno seminato il terrore. Non ce l’ho con gli agenti di polizia, loro eseguono gli ordini, quegli ordini mai arrivati o arrivati tardi e male.

Chiedo, invece, all’On. Alfano come sia stato possibile lasciare i tifosi olandesi liberi di girare senza controlli, pur sapendo che in passato, in occasioni simili, avevano già dato problemi.

Se le nostre Forze dell’ordine, non sono state capaci di difenderci da un migliaio di teppisti, come possiamo credere al capo del Viminale quando ci rassicura che la minaccia ISIS è sotto controllo. E non raccontateci più che ci sono pochi uomini a disposizione, quando gli uffici sono pieni di “annoiati” operatori di Polizia.

La realtà è che siamo considerati, grazie alle nostre Istituzioni, la terra di nessuno, dove chiunque arriva può fare e disfare a proprio piacimento, stravolgendo e turbando la vita quotidiana degli italiani e arrecando danni all’economia ed ai nostri capolavori artistici, patrimonio dell’umanità. 

 

(immagine tratta da www.lastampa.it)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Torna in alto