Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero met…

Non vi è dubbio che il li...

Guerra in Libia, il ruolo degli Emirati Arabi nel conflitto

Guerra in Libia, il ruolo degli Emi…

Nel difficile contesto li...

Gli Emirati Arabi Uniti condannano il piano di annessione di Netanyahu

Gli Emirati Arabi Uniti condannano …

Le monarchie del Golfo co...

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la sfida allo spazio

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la…

L’obiettivo degli Emirati...

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Quando il semplice rischio si trasf…

Il trattamento degli inse...

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

PIÙ ANTICIPAZIONI DI TESO...

LO YOGA DEL SOGNO

LO YOGA DEL SOGNO

È possibile rimanere cosc...

Era il 3 settembre 1982

Era il 3 settembre 1982

In data 03 Settembre 1982...

SCOMPARE IL PARACADUTISTA DI EL ALAMEIN SANTO PELLICCIA - INDIMENTICABILE REDUCE DELLA FOLGORE

SCOMPARE IL PARACADUTISTA DI EL ALA…

Dal sito congedatifolgore...

“La trilogia dei colori” di Maxence Fermine

“La trilogia dei colori” di Maxence…

Sono certa che il più gra...

Prev Next
A+ A A-

VIVA L'OCCIDENTE, VIVA ISRAELE

VIVA L'OCCIDENTE, VIVA ISRAELE

Sono stata una vera sostenitrice della cultura araba, assaporata da turista in alcuni di quei meravigliosi paesi quali il Marocco, la Tunisia, l’Egitto.

Parlo di molti anni fa, anni in cui in quei paesi ho respirato un’atmosfera di apertura, di interesse, confronto e direi di sviluppo in senso democratico. Ricordo, però, di un incontro con un giovane dottore arabo, laureato a Rabat, che mi disse di sognare un futuro di libertà dove la religione non veniva più utilizzata come ideologia di Stato.

E così, piano piano, mi era sembrato stesse accadendo, almeno in alcuni di quei territori, ma poi cosa strana, è arrivata la cosiddetta “rivoluzione araba” e quelle parole dette trent’anni fa, mi ritornano alla mente, attuali più che mai. Che tristezza e, oggi, che orrore. Nel frattempo nella nostra parte di mondo, accade, per ora piano piano, quello che la sig.ra Fallaci ha saputo intuire prima di altri, lo svuotamento della nostra identità, della nostra cultura. Eppure non mi sembra difficile, per la nostra difesa, pretendere nei rapporti fra paesi, la parità di diritti, giustamente sbandierati verso gli altri. Perché noi dobbiamo eliminare i nostri crocifissi nelle scuole, costruire moschee, ecc. quando non possiamo fare altrettanto nei paesi musulmani? Perché lasciare che la nostra economia venga sempre più sostenuta da quella araba?

Addirittura la moda che tanto vanto ci ha portato nel mondo, sta rinunciando al nostro “made in Italy”. Perché, infine, accettare la tolleranza quando questa è in senso unilaterale?

Sì, non ho più fiducia in quella cultura, in quel mondo, almeno finchè le persone moderate e illuminate non avranno la meglio.

Viva l’Occidente, viva Israele.

 

 

(immagine tratta da: www.wikipedia.org)

© Riproduzione Riservata

 

Altro in questa categoria: « JE SUIS CHARLIE SAMI MODIANO »
Torna in alto