Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“La trilogia dei colori” di Maxence Fermine

“La trilogia dei colori” di Maxence…

Sono certa che il più gra...

“La felicità del cactus”, di Sarah Haywood

“La felicità del cactus”, di Sarah …

Ferragosto è passato e se...

Buon compleanno Telegram: sei anni di lotta per la libertà

Buon compleanno Telegram: sei anni …

“Buon compleanno Telegram...

La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

Prev Next
A+ A A-

QUANTE VOLTE LO AVETE UCCISO

QUANTE VOLTE LO AVETE UCCISO

Federico Aldrovandi non è caduto per le scale. Federico non ha avuto un incidente in motorino e non era malato. Federico Aldrovandi, quella maledetta notte del 25 settembre del 2005, è stato ucciso da quattro poliziotti e gli assassini, di cui conosciamo nomi e cognomi, sono stati condannati dalla giustizia italiana. L’applauso disumano dei poliziotti del SAP, così assordante e doloroso, è solo l’ennesima orrenda parentesi apertasi sulla questione o ormai l’ovvia conferma dell’esistenza di un problema gigante? 

Il tema della sicurezza risente di un’ignoranza profonda sotto diversi aspetti, ne è la prova il fatto che il concetto di sicurezza sia spesso confuso (dagli stessi operatori) con quelli della repressione, dello scontro, della chiusura andando a determinare una violenta frattura tra il mondo delle forze dell’ordine e i cittadini. L’impressione generale, alimentata poi da fatti gravi come questo, è quella di ritrovarsi in un contatto asimmetrico, arrogante e sproporzionato nel quale i custodi della giustizia e dei diritti fondamentali si trasformano in carnefici. È un gioco in cui tutti stiamo perdendo. 

Quattro poliziotti che picchiano a morte un ragazzo è un evento grave, mostruoso, che questi poi ricevano solidarietà da un’intera organizzazione sindacale è semplicemente inenarrabile. E così si esprime in tutta la sua brutalità una triste contraddizione: le famose “mele marce” che si trovano ovunque ora sono eroi, chi dovrebbe farci sentire al sicuro trasforma degli assassini in martiri. È un’ offesa troppo grande per rimanere a guardare. È un’offesa per tutti quei poliziotti che svolgono il proprio lavoro onestamente, credendo fermamente nel compito che sono chiamati a svolgere; è una violenza per la dignità di Federico. 

Sì è vero, la reazione è stata forte. Titoloni a caratteri cubitali con i commenti dei vari Napolitano, Renzi, Grasso, Alfano e Pansa che urlano allo scandalo e alla vergogna non sono mancati. E poi? Il nulla, neanche più l’eco delle dichiarazioni istituzionali. A 3 giorni dalla standing ovation per gli assassini è calato il silenzio. Oggi quelle mani che hanno applaudito sono tornate in servizio, sono le mani di persone pronte a dare lezioni morali ai cittadini. E i cittadini dovrebbero davvero fidarsi? Forse stanno riflettendo su quanto sia inquietante sapere che quelle persone se ne vanno per i loro quartieri armati, magari di notte, magari quando altri ragazzi come Federico stanno rientrando a casa. Eppure stavolta si sa chi c’era, chi ha applaudito, chi con ogni colpo di mani ha stuprato la memoria di Federico Aldrovandi, si sa e qualcuno ne va fiero. Ma statene pur certi, alle parole di sdegno non seguirà niente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto