Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival ...

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un murales. La famiglia:"Non è mai stato minaccia"

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un…

Vicino all'ambasciata d'E...

Le mani della Turchia sul Mediterraneo

Le mani della Turchia sul Mediterra…

La mire espansionistiche ...

Verità per Giulio

Verità per Giulio

Oggi 3 febbraio 2020 ri...

A febbraio il Breakbulk Middle East a Dubai, evento top per trasporto e logistica

A febbraio il Breakbulk Middle East…

Per il secondo anno conse...

Nucleare, prima centrale negli Emirati Arabi Uniti

Nucleare, prima centrale negli Emir…

Nucleare – Gli Emirati Ar...

Turchia e dintorni. Turchia campione dei non diritti umani

Turchia e dintorni. Turchia campion…

Che la Turchia stia attra...

1917

1917

È difficile raccontare la...

"Minchia Signor Tenente" in scena al Teatro degli Astri di Roma

"Minchia Signor Tenente" …

Dal 31 gennaio al 2 febbr...

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

Non ho mai amato troppo l...

Prev Next
A+ A A-

MUORE PAOLO ONOFRI

MUORE PAOLO ONOFRI

Il papà di Tommaso, il piccolo angelo, ucciso nel lontano 2006 è morto stanotte.

L’uomo era in coma, pensate un po’, dal 2008 dopo essere stato colpito da un attacco cardiaco mentre era in vacanza con la famiglia: la moglie e l’altro figlio. Una vicenda, quella del piccolo Tommaso, che commosse tutta l’Italia rimasta con gli occhi spalancati davanti alla televisione per circa un mese intero, fino a quando fu ritrovato il corpo del bimbo e condannati i due assassini.

Forse ci si dimentica che il povero papà fu messo alla gogna mediatica perché sospettato di essere coinvolto nel rapimento e nell’uccisione del suo stesso figlio. Una gogna basata sul sospetto e che, proprio per la legge italiana, non dovrebbe avere luogo: se non si hanno le prove della colpevolezza si è innocenti.

Non possiamo sapere se l’infarto, dopo appena due anni dalla scomparsa di Tommaso, sia stato causato dallo stress, dal peso di doversi difendere dalle calunnie o dal dolore che, dopo la perdita di un figlio, non passa mai; ma mi fa male pensare a come quest’uomo abbia potuto trascorrere la vita che gli rimaneva e a quanto, probabilmente, abbia saputo dare alla sua famiglia.

Come sempre un’accusa ai media che per un mese intero ci hanno propinato il dubbio su quest’uomo e poi, nel giorno della sua morte, si viene a sapere che è dal 2008 che la famiglia ha subito un’altra perdita. Grave.

Non eravamo e non siamo tenuti a sapere? No, probabilmente no, ma a questo punto non vogliamo più essere edotti sui dubbi e sulle notizie false.

Solo certezze.

E solo quando non ledono la dignità delle persone.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto