Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Friends” festeggia il 25esimo compleanno

“Friends” festeggia il 25esimo comp…

Quando è stato lanciato i...

Expo2020: il regalo di Dubai al mondo

Expo2020: il regalo di Dubai al mon…

Si avvicina l’inizio di u...

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero met…

Non vi è dubbio che il li...

Guerra in Libia, il ruolo degli Emirati Arabi nel conflitto

Guerra in Libia, il ruolo degli Emi…

Nel difficile contesto li...

Gli Emirati Arabi Uniti condannano il piano di annessione di Netanyahu

Gli Emirati Arabi Uniti condannano …

Le monarchie del Golfo co...

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la sfida allo spazio

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la…

L’obiettivo degli Emirati...

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Quando il semplice rischio si trasf…

Il trattamento degli inse...

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

PIÙ ANTICIPAZIONI DI TESO...

LO YOGA DEL SOGNO

LO YOGA DEL SOGNO

È possibile rimanere cosc...

Era il 3 settembre 1982

Era il 3 settembre 1982

In data 03 Settembre 1982...

Prev Next
A+ A A-

EGITTO: LA VERITA' SULL'ACCADUTO A DALGA

EGITTO: LA VERITA' SULL'ACCADUTO A DALGA

Dalga è un paese di campagna ad Al-minya in Egitto, che a seguito a delle proteste e a delle manifestazioni pacifiche fatte dai suoi abitanti contro il regime golpista, è stato invaso da poliziotti e militari con carri armati, elicotteri ed altro, bombardata con armi pesanti e circondata dalle forze armate egiziane vietando l'entrata e l'uscita di qualsiasi persona.

Hanno  distrutto e bruciato case, arrestato persone con la scusa di cercare armi pesanti e laboratori di produzione d'armi e per proteggere  i cristiani del luogo che secondo il racconto dei golpisti venivano  perseguitati. Nonostante tutto i  abitanti di Dalga non hanno  risposto  alle provocazioni e continuano tutt'ora a scendere ogni giorno in manifestazioni pacifiche. 

Tutto quello che accadeva in questo villaggio era nell'oscurità, ma Ibrahim  Elmasry e Farid  Kotb ,hanno affrontato difficoltà nell'entrare e nell'uscire da questo paese. Dalle poche ore della loro presenza a Dalga  hanno portato al mondo la testimonianza dal vivo di questa gente tra i quali un cristiano copto . (guardate il video sotto riportato "DAL CUORE DI DALGA") 

Questo sono state le parole delle persone intervistate: 

1- Abbiamo assaggiato il sapore della libertà sotto  il governo di Muhammad Mursi , siamo rimasti 30 anni schiavi dell'esercito e dei militari, siamo stati umiliati sotto il regime di Hosni Mubarak.

La nostra voce non ha valore, non conta, non ci trattano con dignità non ci ascoltano. I media egiziani non ci ascoltano e non vogliono ascoltarci.

Perchè l'esercito ci ha preso di mira ? perchè ci hanno invaso con 80 carroarmati? 

Hanno messo sotto assedio ogni parte di Dalga, li abbiamo lasciati entrare e  non li abbiamo attaccati e loro ci hanno colpito con carroarmati e con elicotteri. Vi giuro nessuno li ha colpiti o li ha attaccati. Hanno distrutto il villagio ed arrestato tanta gente.

Dalga e Al-minya e il posto che ha  dato tanto appoggio a  Muhammad Mursi, qui non c'è neanche un persona appartenente ai fratelli musulmani.

2- Quando prendi l'informazioni  dai media egiziani pensi  che Dalga è un paese di cattivi e di analfabeti , ma quando entri in questo villaggio trovi che  tutti i suoi giovani sono studiosi del corano, studiano nelle scuole e nelle università in facoltà importante come  Medicina, Farmaceutica ed Ingegneria.

Questa invasione non è stata fatta per prendere i Baltaghia ( i fuori di legge ), ne per le persecuzione contro i cristiani copti. L'unico motivo è la manifestazione che è stata fatta con degli asini per protestare contro i golpisti e chiedere il ritorno delle legittimità.

I militari dicevano che a Dalga c'erano  fabbriche di produzione d'armi ed armi  che bastavano per attaccare Israele; quando sono entrati non hanno trovato nulla.

Il vero motivo era di  arrestare i leader e gli organizzatori della manifestazione . Pensavamo che  arresteranno i Baltaghia i commercianti d'armi o di droga , invece ci siamo stupiti, hanno arrestato la miglior gente ; hanno invaso la casa della persona più brava di Darmous  il Sig. Hassan  Kohil, presidente dell'associazione religiosa del centro di  Dirmawas , supervisore del centro dello studio del Corano e membro delle associazioni che prendono cura di orfani  e vedove; quando non lo hanno trovato hanno distrutto la sua casa , hanno trovato e rubato da casa sua soldi derivati da donazioni.

Hanno arrestato un Imam mentre guidava la preghiera.

3-Samir Aba-Rawan un cristiano copto : Non accusiamo nessuno!! accusiamo solo i Baltaghia e i ladri ; sono stati loro ad entrare nelle chiese e le hanno bruciate insieme alle case dei cristiani copti . Non c'è una persona religiosa che può fare questo.

Il Sig. Hassan koli  non ha fatto niente di male , anzi lo ringraziamo perchè dava compito a delle persone per aiutarci a proteggere le chiese; radunava dei soldi per darli alla chiesa.

4- Sono arrivati la mattina presto , ci hanno detto : è le forze dell'ordine !! ci hanno colpito con lacrimogeni. 

Ditemi,cosa facciamo noi ? non siamo cittadini  egiziani? Dove dobbiamo andare? ditemi voi.

Abbiamo costruito questo casa con tanto sacrificio, cosa facciamo ? dobbiamo chiedere l'elemosina ?  avete visto  le persone dentro come sono.

Facciamo presente che il tim di lavoro  si  è trovato costretto a lasciare Dalga a poche ore dall'arrivo al cuore di questo villaggio, dopo che le forze dell'ordine egiziane sono venuti a sapere della loro presenza e del loro operato  da parte di alcuni simpatizzanti del golpe di stato. Hanno cominciato a cercarli nel villaggio arrestando persone che hanno avuto a che fare con loro e persino bruciando e distruggendo le loro case. 

Ricordiamo che in un precedente articolo abbiamo trattato la verità delle chiese bruciate ad Al-minya.

http://www.convincere.eu/politica/item/455-nessun-luogo-di-culto-si-e-salvato-dalle-mani-dell-esercito-egiziano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

Torna in alto