Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (direttore Catholic Center Giordania): “Religioni e Stati insieme per la fratellanza umana”

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (di…

“Bisogna lavorare insieme...

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, incontro a Cagliari

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, …

Si è svolto giovedì 28 no...

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia, Emirati Arabi Uniti

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia…

Si è tenuto lo scorso 16 ...

Le imprenditrici degli Emirati Arabi Uniti approdano nel Regno Unito

Le imprenditrici degli Emirati Arab…

Diciassette imprenditrici...

Onu, emancipazione femminile e Emirati Arabi Uniti

Onu, emancipazione femminile e Emir…

Anita Bhatia, vicediretto...

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su Dubai per promuovere la tolleranza

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su …

Gli Emirati Arabi Uniti e...

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

Dare forma alla politica estera nel…

La scorsa settimana ha se...

La protezione della famiglia al centro delle politiche degli Emirati Arabi Uniti

La protezione della famiglia al cen…

Il governo degli Emirati ...

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a Expo Dubai

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a…

Dal 20 ottobre 2020 al 10...

Donne e diritti, in Sardegna e negli Emirati Arabi Uniti

Donne e diritti, in Sardegna e negl…

La conferenza La partecip...

Prev Next
A+ A A-

... PEOPLE SHOULDN’T JUMP TO CONCLUSION BEFORE WE HAVE ALL THE FACTS...

... PEOPLE SHOULDN’T JUMP TO CONCLUSION BEFORE WE HAVE ALL THE FACTS...

«Good afternoon, everybody. Earlier today, I was briefed by my homeland security team on the events in Boston. We’re continuing to monitor and respond to the situation as it unfolds.

And I’ve directed the full resources of the federal government to help state and local authorities protect our people, increase security around the United States as necessary, and investigate what happened.

 The American people will say a prayer for Boston tonight. And Michelle and I send our deepest thoughts and prayers to the families of the victims in the wake of this senseless loss.

We don’t yet have all the answers. But we do know that multiple people have been wounded, some gravely, in explosions at the Boston Marathon.

I’ve spoken to FBI Director Mueller and Secretary of Homeland Security Napolitano, and they’re mobilizing the appropriate resources to investigate and to respond.

I’ve updated leaders of Congress in both parties, and we reaffirmed that on days like this there are no Republicans or Democrats — we are Americans, united in concern for our fellow citizens.

I’ve also spoken with Governor Patrick and Mayor Menino, and made it clear that they have every single federal resource necessary to care for the victims and counsel the families. And above all, I made clear to them that all Americans stand with the people of Boston.

Boston police, firefighters, and first responders as well as the National Guard responded heroically, and continue to do so as we speak. It’s a reminder that so many Americans serve and sacrifice on our behalf every single day, without regard to their own safety, in dangerous and difficult circumstances. And we salute all those who assisted in responding so quickly and professionally to this tragedy.

We still do not know who did this or why. And people shouldn’t jump to conclusions before we have all the facts. But make no mistake — we will get to the bottom of this. And we will find out who did this; we’ll find out why they did this. Any responsible individuals, any responsible groups will feel the full weight of justice.

Today is a holiday in Massachusetts — Patriots’ Day. It’s a day that celebrates the free and fiercely independent spirit that this great American city of Boston has reflected from the earliest days of our nation. And it’s a day that draws the world to Boston’s streets in a spirit of friendly competition. Boston is a tough and resilient town. So are its people. I’m supremely confident that Bostonians will pull together, take care of each other, and move forward as one proud city. And as they do, the American people will be with them every single step of the way.

You should anticipate that as we get more information, our teams will provide you briefings.

We’re still in the investigation stage at this point. But I just want to reiterate we will find out who did this and we will hold them accountable.

Thank you very much.».

 

 

Buon pomeriggio a tutti. Oggi il team della sicurezza interna mi ha aggiornato su quanto stava accadendo a Boston. Stiamo continuando a monitorare e a seguire la situazione nel suo divenire. Ho indirizzato tutte le risorse del Governo Federale per aiutare lo stato e le autorità locali a proteggere i nostri cittadini, aumentare la sicurezza negli Stati Uniti quanto e necessario, e indagare su quel che è accaduto.

Gli Americani diranno una preghiera per Boston, stanotte. E Michelle e io inviamo i nostri pensieri più sentiti e le nostre preghiere ai familiari delle vittime, sulla scia di questa perdita insensata.

Non abbiamo ancora tutte le risposte. Ma sappiamo che molte persone sono state ferite, alcune gravemente, nelle esplosioni alla Maratona di Boston.

Ho parlato con il Direttore dell’FBI Mueller e con il Segretario della Sicurezza Nazionale Napolitano, e loro hanno mobilitato le risorse per investigare e dare risposte.

Ho aggiornato i leader del Congresso di entrambi i partiti, e siamo d’accordo che in giornate come queste non esistono Repubblicani o Democratici: siamo Americani, uniti nel cordoglio per i nostri cittadini.

Ho parlato anche con il Governatore Patrick e con il sindaco Menino, e chiarito loro che avranno ogni singola risorsa federale necessaria per curare le vittime e per prestare conforto alle loro famiglie. E prima di tutto ho chiarito loro che gli Americani sono con gli abitanti di Boston.

I poliziotti, i vigili del fuoco, i responsabili del primo soccorso e la Guardia Nazionale di Boston hanno risposto in maniera eroica, e continuano a farlo anche mentre parliamo.

E confortante che così tanti americani servano e si sacrifichino per nostro conto ogni giorno, senza preoccuparsi della loro stessa sicurezza, in circostanze pericolose e difficili. E salutiamo tutti coloro che ci assistono nel rispondere in modo rapido e professionale a questa tragedia.

Non sappiamo ancora chi sia stato a fare questo e perché. E non bisogna saltare a conclusioni prima di aver in mano tutti i fatti. Ma senza alcun dubbio andremo fino in fondo a tutto questo. E troveremo i responsabili, scopriremo perché l’hanno fatto. Ogni responsabile, sia esso un individuo o un gruppo, sentirà tutto il peso della giustizia.

Oggi è festa in Massachussets: è il Patriots’ Day. E’ un giorno che celebra la libertà e la fiera indipendenza di spirito che la grande città americana di Boston ha mostrato fin dai primi giorni della nostra nazione. Ed è un giorno che porta il mondo fra le strade di Boston, nello spirito di una competizione amichevole. Boston è una città forte e resistente. E così sono i suoi abitanti. Sono convinto che rimarranno uniti, si prenderanno cura l’uno dell’altro e andranno avanti, come la loro fiera città. E mentre lo faranno, gli Americani saranno con loro in ogni singolo passo.

Appena avremo nuove informazioni, verrete informati. Stiamo ancora investigando. Ma voglio ripetere che troveremo chi l’ha fatto e gli faremo pagare la sua responsabilità». 

 

Torna in alto