Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAO…

Abbiamo deciso di pubblic...

I bandi de La Biennale di Venezia che i dj e i producers non devono farsi scappare

I bandi de La Biennale di Venezia c…

La Biennale di Venezia no...

Ventiquattro anni dalla morte di Mia Martini

Ventiquattro anni dalla morte di Mi…

Ogni morte è a sé, ma que...

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIO…

Non esiste città come Fir...

L’apoteosi del genio italiano: 500 anni dalla morte di Leonardo

L’apoteosi del genio italiano: 500 …

Roma, 27 apr – «Nacque un...

Prev Next
A+ A A-

ANTONIO MANGANELLI: IL SORRISO DI UN UOMO PERBENE

Ciao Antonio,

uno dei modi con i quali mi piace ricordarti è nella semplicità del tuo sorriso, nell’illusione che custodisca e insieme sveli quel tanto che ci sembra di aver inteso nella vicenda umana di cui siamo stati partecipi tu come Capo della Polizia ed io come Sindacalista.

Oltre il comune traffico ho sempre colto, attraverso i segni che vi hai disseminato, il mondo giusto che avresti voluto fosse il nostro.

Considera che scrivo con senso di gratitudine per la sensibilità che hai sempre dimostrato, e per l’idea del comune amore che abbiamo per la giustizia.

Ho tentato, sapendoti non più con noi, di sgomberare la testa da ogni altro rumore per lasciarmi trasportare dai ricordi, verso quel lavoro che ci visto a volte contrapposti ed a volte uniti, fino a farci intravedere insieme un percorso condiviso, un piano.

Così mi capitava di specchiarmi, il duro che mi sembrava di scorgere in te, non era forse il duro che c’è in me ed allora capivo quale passione scorreva nelle tue parole donando a tutti un senso all’oscurità che spesso ci circonda.

Hai guardato anche senza vedere al di là degli orizzonti, con lo sguardo di chi sa che il futuro non è un spazio dove andare, ma un percorso da costruire.

Shalom

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto