Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Nuovi tentativi di imporre "ac…

Verso l'ultimo anno del s...

Prev Next
A+ A A-

LA GEOGRAFIA DELLE CENE ELETTORALI

La geografia delle cene elettoraliNel panorama dell’elettorato italiano emerge in questi giorni, con significativa evidenza, uno specifico genere di cittadino – elettore, quello che potremmo chiamare lo “scrocconis electionem” ovvero lo scroccone delle elezioni.

Figura oscura questa, rimane in letargo per massimo 5 anni (spesso anche meno), si risveglia a ridosso delle elezioni e cerca, famelico, cibo gratis tra comizi vari.

 Tale esemplare, per niente raro ne’ in via di estinzione, non è in alcun modo interessato al soggetto ed all’oggetto della riunione, semmai la sua attenzione è rivolta al menù.

Si posiziona strategicamente davanti alla tavola imbandita e dopo aver ingurgitato senza ritegno qualunque cosa abbia le sembianze di cibo, senza alzare gli occhi dal piatto, una volta sazio, si diletta nel giudicare quantità e qualità.

Così nasce la “geografia delle cene elettorali”, la ricerca dei banchetti migliori che in genere corrispondono a quelli dei candidati più noti, dove andare per poter raccontare il giorno dopo, in ufficio, di aver partecipato ad un pranzo luculliano senza aver speso denaro.

A questo punto la domanda è d’obbligo. Chi finanzia le cene elettorali?

Potrebbe essere l’imprenditore “sponsor” che spera, ad elezioni avvenute, di acquisire una posizione di vantaggio nella politica, oppure paga il partito utilizzando i rimborsi elettorali, o, infine, è lo stesso candidato a sobbarcarsi i costi delle cene.

A noi non è dato saperlo, ma tanto agli italiani non interessa chi paga il conto, è un dettaglio, l’importante è che sia pagato; alla domanda possiamo sempre rispondere: “in fondo perché avrei dovuto saperlo, non mi interessa chi paga!”

Risposte già sentite, indicative di un malcostume nazionale dilagante.

Che siano cose piccole o grandi, una carbonara con un buon bicchiere di vino, una casa in affitto in centro o una vacanza da sogno, purché siano gratis…. 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto