Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (direttore Catholic Center Giordania): “Religioni e Stati insieme per la fratellanza umana”

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (di…

“Bisogna lavorare insieme...

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, incontro a Cagliari

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, …

Si è svolto giovedì 28 no...

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia, Emirati Arabi Uniti

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia…

Si è tenuto lo scorso 16 ...

Le imprenditrici degli Emirati Arabi Uniti approdano nel Regno Unito

Le imprenditrici degli Emirati Arab…

Diciassette imprenditrici...

Onu, emancipazione femminile e Emirati Arabi Uniti

Onu, emancipazione femminile e Emir…

Anita Bhatia, vicediretto...

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su Dubai per promuovere la tolleranza

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su …

Gli Emirati Arabi Uniti e...

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

Dare forma alla politica estera nel…

La scorsa settimana ha se...

La protezione della famiglia al centro delle politiche degli Emirati Arabi Uniti

La protezione della famiglia al cen…

Il governo degli Emirati ...

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a Expo Dubai

Sabeel 2020, il valore dell’acqua a…

Dal 20 ottobre 2020 al 10...

Donne e diritti, in Sardegna e negli Emirati Arabi Uniti

Donne e diritti, in Sardegna e negl…

La conferenza La partecip...

Prev Next
A+ A A-

Siria e Turchia, quel confine che non si vede

Turchia e SiriaTel Abiad è una cittadina siriana di circa 12mila abitanti che sorge vicino il fiume Balik. La sua piazza principale dista 1.850 metri dalla piazza di un’altra città, la città turca di Akcakale.

Nella serata del 3 ottobre un colpo di mortaio esploso dal territorio siriano ha colpito la cittadina turca, uccidendo cinque persone. Il governo turco, naturalmente, non ha esitato a reagire. Le postazioni militari di Rasm al Ghazal, vicino Tel Abiad sono state bombardate dall’aviazione turca, portando la morte di morti almeno  cinque soldati siriani.

L’ennesima scintilla tra Erdogan e Assad che rischia di esplodere in un conflitto, dopo che da quasi due anni le violenze in Siria allarmano l’intera regione.

E non poteva essere altrimenti.

Il conflitto siriano non è alimentato solo da tensioni politiche interne, assomiglia invece sempre più ad un fiume in piena che si allarga ed ingloba scontri etnici, jihadismo e speculazioni internazionali, fino a non trovare traccia dell’inizio dell’uno e della fine dell’altro.

Ed è questo forse che preoccupa realmente paesi come la Turchia, che negli ultimi mesi ha visto arrivare più di 93mila rifugiati dalla Siria, molti dei quali sono transitati proprio dal varco di Akcakale. Quello che appare più chiaro è che i confini reali tra i due paesi sono sempre più liquidi, più incerti, suscettibili alle violenze siriane e l’inevitabile coinvolgimento delle forze turche dispiegate sul confine lo dimostra.

Secondo il governo turco "azioni aggressive, come parte delle operazioni militari condotte dalle forze armate della repubblica araba siriana, a partire dal 20 settembre, sono state dirette anche contro i territori del nostro paese . Queste azioni sono perdurate, nonostante i nostri ripetuti avvertimenti e iniziative diplomatiche . Azioni aggressive nei confronti del territorio del nostro paese ci portano al limite di un attacco armato".

Ma se da una parte Ankara non può permettere nessuna violazione alla sovranità sul suo territorio, Damasco accusa la Turchia di aver permesso a terroristi islamisti ed armi di entrare in territorio siriano proprio da quel varco.

In questi giorni si è parlato di possibile conflitto tra Siria e Turchia, ma nessuno lo vuole. Non lo vogliono i turchi, che sanno distinguere un effetto collaterale della complessità della situazione siriana, da un pericolo concreto nei confronti della sicurezza nazionale. Non lo vuole Assad, che sa di non essere in grado di affrontarlo e non ha atteso di far sapere alle autorità turche che l’incidente non si ripeterà. Ed è per questo che un intervento Nato, al momento, è improbabile. Comunque sia la comunità internazionale, Italia compresa, ha fermamente condannato l’attacco siriano, sottolineando la legittimità della reazione turca.

Cosa succederà ora? Probabilmente niente. Nonostante la richiesta del governo di Ankara di consentire ai militari di condurre operazione oltre la frontiera nazionale è stata approvata dal parlamento turco, la risoluzione della crisi siriana non arriverà per vie militari. E mentre la gente innocente di Tel Abiad e Akcakale muore, le due città ora sofferenti non sembrano essere state mai così vicine quanto oggi. 

 

© Riproduzione Riservata

Torna in alto