Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
PLPL 2019

PLPL 2019

Quest’anno si sono festeg...

“Lose Control? E’ nata in venti minuti, come Piece of Your Heart”: intervista a Meduza

“Lose Control? E’ nata in venti min…

Dopo quest’estate, non se...

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (direttore Catholic Center Giordania): “Religioni e Stati insieme per la fratellanza umana”

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (di…

“Bisogna lavorare insieme...

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, incontro a Cagliari

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, …

Si è svolto giovedì 28 no...

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia, Emirati Arabi Uniti

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia…

Si è tenuto lo scorso 16 ...

Le imprenditrici degli Emirati Arabi Uniti approdano nel Regno Unito

Le imprenditrici degli Emirati Arab…

Diciassette imprenditrici...

Onu, emancipazione femminile e Emirati Arabi Uniti

Onu, emancipazione femminile e Emir…

Anita Bhatia, vicediretto...

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su Dubai per promuovere la tolleranza

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su …

Gli Emirati Arabi Uniti e...

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

Dare forma alla politica estera nel…

La scorsa settimana ha se...

La protezione della famiglia al centro delle politiche degli Emirati Arabi Uniti

La protezione della famiglia al cen…

Il governo degli Emirati ...

Prev Next
A+ A A-

EXIT STRATEGY

Con l’acuirsi dei combattimenti tra lealisti ed insorti la società siriana si sfalda senza alcuna possibilità di immaginare un futuro in cui ricostruire rapporti politici e sociali credibili.

Ogni giorno i media ci descrivono l’evoluzione della crisi, elencando statisticamente le vittime dell’insurrezione, nata come coda della primavera araba ed ora classificata ufficialmente dall’Onu come “guerra civile”, con tanto di Tribunale dell’Aia sui crimini ed i criminali di guerra.

Questo conflitto non và, però, valutato soltanto numericamente con la conta quotidiana dei caduti tra le parti in lotta e tra i civili, occorre riflettere sul crollo della struttura sociale di un popolo, che porterà inevitabilmente ad una serie di micro faide all’interno degli stessi clan che hanno consentito in questi anni, nonostante il regime di Assad, la civile convivenza.

Il segnale più chiaro del processo descritto è certamente l’evacuazione rapida con un ponte aereo che Serbia, Romania ed Ukraina hanno organizzato per riportare a casa donne e bambini dei loro paesi che vivevano stabilmente in Siria, sposate da anni con uomini ben inseriti nelle amministrazioni pubbliche locali con ottime posizioni sociali.

In buona sostanza sta andando via da Damasco, da Aleppo e dalle altre città, il futuro stesso della Siria, con la scontata conseguenza di assistere nei prossimi mesi, nella migliore delle ipotesi, ad una pacificazione solo virtuale che aprirà le porte a significative interferenze dell’Islam dogmatico.

Questa generazione mista tra uomini arabi e donne dell’est ha origine nel 1965 quando i paesi del blocco filosovietico invitavano i giovani arabi a laurearsi nelle università jugoslave, russe, romene, esentandoli da ogni spesa, con la speranza di ottenere in futuro delle posizioni di vantaggio in termini di influenza internazionale.

I laureati medio orientali si innamoravano e sposavano le loro coetanee dell’est, formando così famiglie miste ed arricchendo di diversità la stessa struttura familiare araba.

La caduta del muro di Berlino negli anni 90 e la successiva crisi economica hanno invece favorito un’immigrazione al contrario, questa volta erano le donne di oltrecortina che cercavano di sposarsi nei paesi arabi con l’obiettivo di risolvere i loro problemi economici spingendo inconsapevolmente la crescita di società multietnica nel vicino Oriente.

E’ utile valutare che solo la Russia non ha ancora provveduto ad esfiltrare le proprie connazionali dalla Siria, probabilmente Putin immagina che Assad, suo principale alleato nell’area, riesca a superare la crisi.

 

(immagine tratta da www.acquamarina.vr.it)

 

© Riproduzione Riservata

Torna in alto