Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
PLPL 2019

PLPL 2019

Quest’anno si sono festeg...

“Lose Control? E’ nata in venti minuti, come Piece of Your Heart”: intervista a Meduza

“Lose Control? E’ nata in venti min…

Dopo quest’estate, non se...

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (direttore Catholic Center Giordania): “Religioni e Stati insieme per la fratellanza umana”

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (di…

“Bisogna lavorare insieme...

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, incontro a Cagliari

Dialogo tra Islam e Cristianesimo, …

Si è svolto giovedì 28 no...

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia, Emirati Arabi Uniti

Incontri trilaterali, Cipro, Grecia…

Si è tenuto lo scorso 16 ...

Le imprenditrici degli Emirati Arabi Uniti approdano nel Regno Unito

Le imprenditrici degli Emirati Arab…

Diciassette imprenditrici...

Onu, emancipazione femminile e Emirati Arabi Uniti

Onu, emancipazione femminile e Emir…

Anita Bhatia, vicediretto...

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su Dubai per promuovere la tolleranza

Verso Expo 2020- l’Unesco punta su …

Gli Emirati Arabi Uniti e...

Dare forma alla politica estera nell'era della post ideologia

Dare forma alla politica estera nel…

La scorsa settimana ha se...

La protezione della famiglia al centro delle politiche degli Emirati Arabi Uniti

La protezione della famiglia al cen…

Il governo degli Emirati ...

Prev Next
A+ A A-

Morti da Taser negli Stati Uniti

Dispositivi TaserSTATI UNITI: SONO OLTRE 500 LE MORTI CAUSATE DALL’ UTILIZZO DI DISPOSITIVI TASER  DA PARTE DELLE FORZE DI  POLIZIA -  AMNESTY INTERNATIONAL CHIEDE LINEE GUIDA RESTRITTIVE.

Secondo informazioni raccolte da Amnesty International,   tra il giugno 2001 e il mese di giugno  2012 almeno 515 persone negli USA sono morte dopo essere state colpite da 'Taser' durante il loro arresto e/o  nel corso della loro detenzione.

 

I dispositivi  Taser1 sono armi che sparano proiettili a forma di dardo che producono scariche elettriche, e sono comunemente classificate come armi “a trasferimento di energia” (Conducted Energy Devices   o CED). Vengono utilizzate a breve distanza come armi paralizzanti,  rilasciano scariche elettriche a bassa intensità e ad alto voltaggio che agiscono sul sistema nervoso centrale e causano contrazioni muscolari incontrollate, rendendo temporaneamente incapacitato il soggetto.

Negli Stati Uniti attualmente le forze di polizia sono autorizzate all’ impiego  di Taser e altri dispositivi CED spesso in situazioni che non richiedono un  tale eccessivo uso della forza.

Molti dipartimenti di polizia le utilizzano per rendere inermi individui che oppongono resistenza o emotivamente disturbati ma che non costituiscono una seria minaccia per la sicurezza.

Dispositivi Taser sono stati utilizzati su studenti, donne in cinta, malati mentali o in stato di ubriachezza, anziani affetti da demenza senile, e individui che soffrono di attacchi epilettici.

Amnesty ritiene che Taser e dispositivi simili, oltre che prestarsi intrinsecamente all’abuso, siano potenzialmente letali, specialmente se utilizzati su persone vulnerabili, come coloro che soffrono di malattie cardiache o che sono sotto l’effetto di sostanze stimolanti o droghe. Tra le vittime anche persone apparentemente in buone condizioni di salute o il cui organismo non presentava tracce di stupefacenti, sono ugualmente morte dopo essere state colpite.

Amnesty International chiede che tali armi vadano adoperate solo in quei contesti in cui siano effettivamente alternative all'utilizzo delle armi da fuoco e l’emanazione di linee guida nazionali che regolamentino in modo più restrittivo l’utilizzo di Taser in sostituzione di migliaia di regolamenti applicati attualmente da forze dell'ordine statali e locali.

In un rapporto del 2008, 'Less than letalì? The use of Stun   Weapons in US law Enforcement', Amnesty International ha esaminato centinaia di dati relativi ai decessi causati dall'impiego di 'Taser', tra cui 98 autopsie e studi sulla sicurezza di tali strumenti.

Tra i casi analizzati, il 90% di coloro che sono deceduti a causa dei 'Taser' non erano armati. Molte di queste vittime sono state colpite più volte.

I  medici che hanno condotto le autopsie hanno ritenuto l'utilizzo di 'Taser' come la causa e/o comunque un fattore che ha contribuito    al verificarsi di queste morti in più di 60 casi, e in numerosi altri casi la causa del decesso è rimasta sconosciuta.

Nella  maggior  parte  dei  casi  mortali  le  vittime  sarebbero  decedute  per  arresto  cardio - respiratorio poco dopo essere state colpite. Alcune sono morte immediatamente, altre sono state dichiarate morte successivamente in ospedale dopo che sono falliti i tentativi di rianimazione.

Alcuni studi e dei medici esperti hanno scoperto che il rischio di gravi effetti collaterali - per coloro che sono stati colpiti da 'Taser' -   è più elevato in persone sofferenti di cuore e/o in coloro in cui il cui sistema immunitario è compromesso dall'uso delle droghe o successivamente ad una collutazione.

“Anche se i decessi causati dall'impiego del 'Taser' sono relativamente rari, i gravi effetti collaterali possono verificarsi velocemente, senza pre-allarme, e sono irreversibili”, ha affermato Susan Lee, Direttrice del Programma Americhe di Amnesty International.

“A causa di questo rischio, tali armi dovrebbero essere adoperate con estrema cautela, cioè solo in situazioni in cui non vi siano alternative meno pericolose”.

L’ articolo ‘Sudden Cardiac Arrest and Death Associated with Application of Shocks from a TASERElectronic Control Device’ pubblicato nel mese di aprile   2012 dalla rivista dell’ American Heart Association  "Circulation," presenta i risultati di uno studio da cui emergono prove scientifiche del fatto che dispositivi Taser possono causare arresto cardiaco e la morte.

Tra i decessi che si sono verificati di recente  vi è pure quello di Allen Kephart, di 43 anni, che è morto nel mese di maggio 2011 dopo essere stato bloccato dalla polizia a causa di una sospetta infrazione del traffico nella Contea di San Bernardino, in California. E’ morto dopo che tre poliziotti l'avevano colpito con 'Taser' per ben 16 volte.

Questi poliziotti – in seguito – sono stati scagionati.

Nel mese di novembre del 2011, Roger Anthony è caduto dalla sua bicicletta ed è morto dopo essere stato colpito da un poliziotto. A quanto pare il poliziotto aveva colpito Anthony – che aveva problemi di udito – perchè non aveva risposto all'ordine di accostare la bicicletta.

Nessuno dei due uomini era armato quando hanno subito questo trattamento da parte della polizia.

“La cosa terribile  è che la maggior parte di coloro che  sono morti in seguito all'utilizzo dei 'Taser' non costituiva una grave minaccia per l'ordine pubblico”, ha detto Susan Lee.

Di seguito le statistiche sui decessi connessi all’utilizzo di taser da parte della polizia tratte da:   “Statistical analysis of deaths following police Taser use” AI Index: AMR 51/013/2012 -   del 15 Febbraio 20122

L’analisi statistica mostra la distribuzione dei decessi che hanno fatto seguito all’utilizzo di taser ed è riferita agli Stati (tabella 1), alle Contee (tabella 2) e alle diverse forze di polizia (tabella 3):

Tabella 1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tabella 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tabella 3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 13 febbraio 2012 Johnnie Kamahi Warren  è stata una delle ultime persone  a morire dopo essere stato colpito per almeno due volte con un dispositivo 'Taser' di un poliziotto a Dohan, in Alabama. Il quarantatreenne Warren, che sembra fosse disarmato ed ubriaco, ha smesso di respirare poco dopo aver subito le scosse del 'Taser' ed è stato  dichiarato morto in ospedale meno di due ore più tardi.

L'utilizzo di tali  armi  nel genere di situazioni descritte è contrario agli standard internazionali che  prevedono  che  la  polizia  ricorra  all’  uso  della  forza  solo  come  ultima  risorsa,  in proporzione alla minaccia e in modo da minimizzare dolore e danni.

In molti casi le azioni della polizia sembrano equivalere a tortura o ad altri trattamenti crudeli inumani o degradanti che sono proibiti dalla normativa internazionale.

"Delle centinaia di persone che sono morte in seguito all'utilizzo di 'Taser' da parte della polizia, dozzine di loro sono decedute in seguito ad un non necessario impiego della forza”, ha detto Susan Lee, Direttrice del Programma Americhe di Amnesty International.

“Ciò è inaccettabile e sono imperative delle linee guida più restrittive sull'uso dei 'Taser'”.

Per ulteriori informazioni : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

__________________________________________________________________________________________________

1 In questo documento il termine Taser si riferisce ad una o più armi prodotte dalla TASER International sotto il marchio commerciale TASER®. Esistono in commercio anche altri dispositivi a trasferimento di energia (tecnologia CED), che comprendono quelli prodotti sotto il marchio STINGER®. I motivi di preoccupazione documentati qui fanno riferimento a tutte le armi di questo tipo.

2 http://www.amnesty.org/en/library/info/AMR51/013/2012/en

Torna in alto