Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Franc…

Libro d’esordio di France...

Donne e Islam: la svolta degli Emirati Arabi Uniti

Donne e Islam: la svolta degli Emir…

Le questioni di genere, o...

Emirati Arabi Uniti alla riunione ministeriale sulla Libia a New York

Emirati Arabi Uniti alla riunione m…

Lo sceicco Abdullah bin Z...

Prev Next
A+ A A-

CRISI SIRIANA IN VIA DI ESPANSIONE

guerra in libanoSembra che la crisi siriana esca dai confini del paese per ampliarsi  in una dimensione che coinvolge i paesi della regione.

Naturalmente il Libano sarebbe il primo paese ad esserne coinvolto  in quanto Tripoli , con i suoi inquieti equilibri sempre precari, si sta  ancora una volta trasformando per arrivare a diventare  il facile  epicentro del caos in arrivo.
Il richiamo inviato  dai paesi del Golfo  in merito all’evacuazione dei propri cittadini dal Libano  è una  prova  della  situazione confusionale prevista .
Il Libano e la Giordania non hanno ceduto alle richieste  del Qatar e dell’Arabia Saudita a far entrare le armi attraverso le loro frontiere in favore  delle forze contrarie al  regime siriano. Questo rifiuto, secondo la mentalità del Golfo, giustificherebbe  una punizione.
Come si evolve la situazione in Libano?
Tante sono le sorprese in arrivo riguardante lo scenario libanese. Un inizio potrebbe  avvenire con un’ondata graduale di assassinii di figure pubbliche libanesi  fino ad arrivare all’obiettivo   finale con l’assassinio di una figura di primo piano.  Di conseguenza il Libano potrebbe entrare  in una spirale di violenza che metterebbe  a rischio la stabilità e il futuro di questo paese.
Gli Hezbollah indubbiamente  subiranno una parte di questa strategia di attacchi destabilizzanti. Questo scenario sarebbe il preludio per favorire  il confronto inevitabile tra Hezbollah ed Israele. Quest’ultimo inizierà ad attaccare  i  leader di questo partito fino ad arrivare ad attaccare il Libano intero di cui Nasrallah (Capo di Hezbollah)  sarà l’obiettivo  più importante. Questo degenererà serie conseguenze che faranno entrare la regione in un tunnel senza uscite.
La prossima fase: Guerra  aperta
Andare in guerra è l’unica interpretazione della nuova formazione del governo israeliano (di cui farà parte Netenyaho - Mofaz). Un governo di guerra  di questo profilo, formato da  militari, e’ un chiaro rivelatore  delle intenzioni degli israeliani. Attaccare gli  Hezbollah  è stata una volontà  sempre presente nell’agenda israeliana sin dalla fine della guerra del 2006. L’unica differenza è che questo confronto non potrà assomigliare a nessuno dei  conflitti  passati.
I fattori più importanti che aumentano la probabilità dell’aggressione  verso gli  Hezbollah  sono favoriti  dallo  stato di instabilità   del regime interno siriano.
L’opportunismo israeliano è oggi   favorito   dalla grave  situazione   attuale siriana che non porterebbe  al  coinvolgimento di questo regime , occupato nella grave crisi interna,  in favore degli Hezbollah  e questo  favorirebbe  la possibilità di  Israele ad arrivare con successo ad una battaglia finale con l’eliminazione definitiva degli Hezbollah.
Il ruolo iraniano nella situazione odierna.
L’Iran i n questa situazione potrebbe essere costretto a fare un compromesso che  include  due punti maggiori:  il primo è il nucleare iraniano ed il secondo è il Bahrain. L’incontro di Bagdad il 23 di Maggio tra l’Iran e il gruppo dei “cinque più uno è il chiaro segnale dell’inizio di questa fase  del compromesso che  -senza dubbio- condurrà  a variazioni  nel rapporto siriano-iraniano a causa degli ultimi sviluppi regionali. Per questo vi saranno delle conseguenze in due aree. La prima sarà il Golfo Arabo, principalmente il Bahrain, ed il secondo il Libano, principalmente Hezbollah.

Il Golfo contro la Siria e l’accordo internazionale.

Non era difficile prevedere l’impossibilità di far cadere il regime siriano senza il coinvolgimento in una guerra aperta con i paesi confinanti.  Per questo il fallimento di far entrare in questo confronto (almeno con l’apertura dei confini) la Giordania ed il Libano lascerà l’unica carta in mano ai  nemici della Siria che cercano di indebolirla con l’utilizzo degli attacchi terroristici e con le bombe specialmente negli aree borghesi che hanno sostenuto fino ad adesso il regime siriano come Aleppo e Damasco.
Oggi  il regime siriano  è  arrivato  al punto  di accettare l’idea del compromesso e con la realizzazione di questo progetto i terroristi potrebbero diventare incontrollabili ed espandersi ovunque  nei paesi al di fuori della Siria.
Il confronto fra i paesi del Golfo (Arabia Saudita e Qatar) e la Siria e’ entrato in un tunnel senza ritorno . Semplicemente questo vuol dire un incremento degli atti terroristici e dei bombardamenti forse ancora  più sanguinosi.  Però la vera domanda che ci sorge in questa situazione è se nel futuro qualcuno potrebbe controllare  questi strumenti del terrorismo e limitarli nei luoghi un cui si trovano, la risposta è senz’altro negativa. E quello che avverrà a Damasco sarà un esempio di quello che potrebbe accadere in tutti i paesi confinanti con la Siria.
I prossimi giorni saranno pieni di eventi e sorprese ma il consenso russo e americano  riguardante il pericolo della presenza di al-Qaida in Siria ha preparato la strada  per un maggior consenso tra i due paesi. Questo è segnalato anche dalla nuova posizione del segretario generale  delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, che ha confermato, dopo aver ricevuto il rapporto inviato dal rappresentante  siriano alle Nazioni Unite,  la responsabilità di al-Qaida  in riferimento agli attacchi terroristici in Siria.
Da un altro punto di vista questo consenso russo-americano potrebbe condurre  ad un indebolimento del ruolo iraniano in Siria ovviamente  nella  prospettiva degli interessi strategici delle due grandi potenze. I perdenti maggiori , in questo scenario, saranno  le parti che non hanno analizzato attentamente  la situazione: i paesi del Golfo e i suoi alleati come pure la Turchia e la Francia  che sono uscite completamente dal  gioco. L’Europa, in generale, si troverà fuori da questo contesto politico e la sua unica presenza sarà esclusivamente  sotto l’ombrello della Nato.

http://amersabaileh.blogspot.com

 

© Riproduzione Riservata

Torna in alto