Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Il riequilibrio ai tempi del COVID-19

Il riequilibrio ai tempi del COVID-…

"Credo che il cosmo abbia...

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“Non si giudica un libro ...

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: un’occasione per il rilancio dell’economia italiana

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: …

Mentre l’Italia attravers...

Prev Next
A+ A A-

SENZA MEMORIA NON C’E’ FUTURO

Falcone e BorsellinoQueste righe debbono essere considerate solo un tributo,

una testimonianza, un ricordo di quegli uomini e quelle donne che hanno perso la vita nella lotta alla mafia.
Non erano eroi, non dobbiamo commettere l’errore di considerarli tali, erano solo cittadini onesti che non hanno avuto paura di fare il proprio dovere.
Molti hanno chiuso gli occhi sul degrado politico che nel paese avanzava anche quando ad annunciare i guasti si manifestavano segnali sempre piu’ marcati.
Sono state le abitudini, il benessere, gli interessi in gioco, a disegnare i confini della tutela della sicurezza dei cittadini onesti.
Inutile dire che oggi ed ogni altro giorno dell’anno, i nostri pensieri, sentimenti e cuori sono tutti per le vittime della mafia.
Non c’e’ piu’ spazio per l’indifferenza. Mi rimane il dolore, la rabbia, l’indignazione per aver assistito in questi anni alla progressiva degenerazione del nostro Paese.

SERGIO GIANGREGORIO
PRESIDENTE CEOS                                                                                                                                                                                 

(tratto dalla monografia "MEMENTO")

www.ceos.it

 

 

immagine www.genova.ogginotizie.it

© Riproduzione Riservata

 

Torna in alto