Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Friends” festeggia il 25esimo compleanno

“Friends” festeggia il 25esimo comp…

Quando è stato lanciato i...

Expo2020: il regalo di Dubai al mondo

Expo2020: il regalo di Dubai al mon…

Si avvicina l’inizio di u...

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero met…

Non vi è dubbio che il li...

Guerra in Libia, il ruolo degli Emirati Arabi nel conflitto

Guerra in Libia, il ruolo degli Emi…

Nel difficile contesto li...

Gli Emirati Arabi Uniti condannano il piano di annessione di Netanyahu

Gli Emirati Arabi Uniti condannano …

Le monarchie del Golfo co...

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la sfida allo spazio

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la…

L’obiettivo degli Emirati...

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Quando il semplice rischio si trasf…

Il trattamento degli inse...

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

PIÙ ANTICIPAZIONI DI TESO...

LO YOGA DEL SOGNO

LO YOGA DEL SOGNO

È possibile rimanere cosc...

Era il 3 settembre 1982

Era il 3 settembre 1982

In data 03 Settembre 1982...

Prev Next
A+ A A-

Gli indignados del Viminale

disegno

 

GLI INDIGNADOS DEL VIMINALE

L’allarme criminalità e la domanda di sicurezza

 

 

Mentre Roma e l’intero Paese sono assediati dalla criminalità organizzata, mentre da nord a sud si piangono i cittadini caduti per mano di una ormai cieca violenza criminale, i vertici della Polizia di Stato cercano di legalizzare l’inserimento degli operatori di Polizia negli uffici amministrativi del Ministero, sottraendo risorse al controllo del territorio.

La riforma della legge 121 si stà ormai declinando come l’ennesimo strumento idoneo a sottrarre ai compiti di Istituto migliaia di agenti di Polizia con la logica conseguenza di avere sempre meno uomini a disposizione per tutelare la sicurezza dei cittadini.

I “Saggi” del Dipartimento di Pubblica Sicurezza hanno, infatti, creato una commissione di studio per ottimizzare ed attualizzare la citata legge 121 con l’unico realistico risultato di aver creato un maggior numero di posti da burocrate  per Dirigenti di PS e con la non celata volontà di istituire un ruolo amministrativo per gli operatori di Polizia.

Tutto questo sempre a discapito degli impiegati civili del Viminale a cui per legge sono demandati i compiti economici-amministrativi della struttura Ministeriale, i quali non solo vedrebbero compresse ulteriormente le loro carriere, ma si troverebbero improvvisamente ad essere considerati degli intrusi nel proprio ufficio.

 

 

La misura è però colma e gli impiegati civili del Ministero, mutuando le proteste degli indignados spagnoli sono scesi in piazza, dopo aver indetto nei giorni precedenti delle assemblee molto seguite all’interno della Caserma di Castro Pretorio, si sono riuniti il 28 settembre all’esterno della struttura per difendere i loro diritti di lavoratori e la loro professionalità.

 

Cgil e Flp hanno congiuntamente guidato la protesta a cui hanno aderito molti componenti della RSU del Dipartimento, il comitato spontaneo “riscatto civili” e impiegati fuori da ogni schieramento.

Si è discusso della rilevazione automatizzata dell’orario di lavoro del Dipartimento di PS dove i poliziotti – travet non hanno alcun controllo mentre i civili si, poi della mobilità forzata per i civili e chiaramente dell’ipotesi di istituire il ruolo amministrativo per la Polizia.

A tale proposito si suggerisce, ai citati saggi, di inserire nel prossimo calendario della Polizia di Stato, una foto degli agenti impegnati nel lavoro di ufficio.

La protesta continuerà nei prossimi giorni  e noi di “CONVINCERE” saremo pronti a dare voce agli indignados perché crediamo che il crimine non si combatte in ufficio con penna, matita, mouse e computer.

© Riproduzione Riservata

Torna in alto