Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival ...

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un murales. La famiglia:"Non è mai stato minaccia"

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un…

Vicino all'ambasciata d'E...

Le mani della Turchia sul Mediterraneo

Le mani della Turchia sul Mediterra…

La mire espansionistiche ...

Verità per Giulio

Verità per Giulio

Oggi 3 febbraio 2020 ri...

A febbraio il Breakbulk Middle East a Dubai, evento top per trasporto e logistica

A febbraio il Breakbulk Middle East…

Per il secondo anno conse...

Nucleare, prima centrale negli Emirati Arabi Uniti

Nucleare, prima centrale negli Emir…

Nucleare – Gli Emirati Ar...

Turchia e dintorni. Turchia campione dei non diritti umani

Turchia e dintorni. Turchia campion…

Che la Turchia stia attra...

1917

1917

È difficile raccontare la...

"Minchia Signor Tenente" in scena al Teatro degli Astri di Roma

"Minchia Signor Tenente" …

Dal 31 gennaio al 2 febbr...

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

Non ho mai amato troppo l...

Prev Next
A+ A A-

Tattica e Strategia

Gheddafi a braccia alzate in segno di vittoriaGheddafi resiste, nonostante i bombardamenti a tappeto, la “no fly zone”, nonostante la battaglia mediatica totalmente sfavorevole, nonostante le continue defezioni dell’esercito.

Resiste nonostante tutto, ma per resistere contro il mondo intero o quasi occorre usare la testa, non solo il cuore e la rabbia da vecchio tiranno in declino.

Ed ecco che il Colonnello ben consigliato si ritira da Misurata, abbandona la piccola Stalingrado degli insorti, dopo oltre un mese di assedio con un ingente utilizzo di artiglieria pesante e di specialisti a terra lascia il campo ed in una decina di ore l’esercito lealista ripiega decisamente su tripoli perché? Perché ora? Perché in questo modo silenzioso? Perché lasciare all’improvviso la terza città della Libia all’avversario dopo 100 giorni di continui scontri casa per casa.

Quando le guerre unanimemente considerate “lampo” vanno in stallo, per guadagnare posizioni strategiche, consensi e mediazioni positive, occorre dare dinamismo sia alle trattative negoziali, sia al cartello mediatico contrario e sia alle risorse impiegate.

 

Probabilmente la scelta temporale del Rais di lasciare nelle mani dei ribelli gran parte dell’ovest del paese va cercata nella decisione USA di utilizzare i Droni armati, micidiali aerei senza pilota con missili teleguidati che possono operare anche a bassa quota centrando bersagli oggettivamente difficili da colpire per altri tipi di aerei da combattimento con pilota .

I Droni, inoltre, sono veicoli costosissimi se gli Stati uniti hanno deciso di impiegarli rischiando di perderne molti in battaglia appare evidente un coinvolgimento maggiore del Pentagono nel conflitto libico.

Gheddafi prevedendo una possibile sconfitta con ingenti perdite di mezzi e consensi  torna a presidiare massicciamente Tripoli dove la popolazione lo appoggia e le tribù gli sono alleate e torna a spingere l’Unione Africana verso una pragmatica divisione della Libia in due ,al fine di scongiurare una guerra lunga e sanguinosa.

America, Inghilterra e Francia vogliono la testa del Colonnello pur senza alcuna legittimazione giuridica e soprattutto rimanendo invece in silenzio con il governo siriano che continua ad uccidere i dimostranti disarmati.

Russia, Cina e Turchia si oppongono all’invio di truppe terrestri ma prendono anche loro le distanze dal Colonnello, la risoluzione ONU è stata, come sempre, ampliamente violata, saranno solo gli interessi economici e non quelli umanitari a disegnare i confini del conflitto libico nei prossimi mesi.

Gheddafi allora giocherà ancora una volta la sua partita.

 

Sergio Giangregorio

Altro in questa categoria: « Morire a Latakia La Rabbia Transalpina »
Torna in alto