Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Logo
Stampa questa pagina

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

La politica globale sta cambiando e le dinamiche tradizionali in atto dalla seconda guerra mondiale stanno cambiando. Molti paesi, specialmente in Medio Oriente, hanno costruito le loro politiche sulla divisione tra Oriente e Occidente e la loro politica estera e la partecipazione alle alleanze si sono effettivamente basate su questo conflitto ideologico. Negli ultimi anni abbiamo assistito all'evoluzione della guerra al terrorismo che ha influito su questi pilastri tradizionali e le alleanze stanno diventando sempre più basate su vantaggi economici e reciproci.

Ciò si è sviluppato negli ultimi anni in modo tale che l'interesse economico è diventato il pilastro fondamentale della politica globale. L'era della democratizzazione di George W. Bush ha lasciato il posto all'era di Trump di interesse economico. Abbiamo visto le guerre ideologiche evolversi in un focus sul pragmatismo economico. Questo cambiamento fondamentale deve essere affrontato dai paesi che devono rivedere le loro politiche nazionali e internazionali per definire le nuove priorità.

Per più di 30 anni, la politica mondiale è stata plasmata dall'ideologia ideologica US-URSS "Guerra fredda". Il 21° secolo di alta tecnologia, globalizzazione e libero scambio è stato un fattore critico nel passaggio dal capitalismo al comunismo alla pura concorrenza capitalista. Lo vediamo negli scontri in evoluzione tra Stati Uniti e Cina, che appaiono molto meno ideologici e molto più economici.

Mentre gli ultimi anni hanno visto tensioni latenti tra le due potenze mondiali, una stabilita e l'altra emergente, il mondo sta cominciando ad avvicinarsi a una guerra fredda, e forse di più. Le relazioni tra Stati Uniti e Cina come le maggiori potenze del mondo stanno rimodellando la politica globale e ricostruendo alleanze. Mentre la precedente guerra fredda ha diviso il mondo in due blocchi, la dicotomia USA-Cina sta facendo lo stesso. In effetti, la politica americana sta disegnando direttamente linee rosse con prezzi elevati per gli alleati che la attraversano. Il G5, Huawei, l'industria militare e i grandi investimenti cinesi in Europa, Africa e Medio Oriente stanno diventando i principali problemi di questa guerra economica, così come l'iniziativa cinese Belt and Road che sta gravando sui paesi più poveri con debiti e infrastrutture non perfette.

In questi momenti critici in cui il mondo sta attraversando un processo di rimodellamento, è molto importante adottare politiche sagge e prudenti, soprattutto per i paesi con economie fragili e strutture sociali deboli. In questa fase post COVID-19, le difficoltà economiche e la frustrazione sociale stanno raggiungendo picchi, quindi è fondamentale adottare strategie che allevino preoccupazioni e tensioni piuttosto che cambiamenti improvvisi che innescano tensioni alla superficie.

Il Medio Oriente è ancora una volta un punto focale critico in questa guerra, con la Cina fortemente investita nella ricostruzione della Siria, che sta diventando una prospettiva più complicata rispetto a qualche anno fa. Recentemente gli Stati Uniti hanno chiarito che non tollereranno gli investimenti cinesi nelle economie degli alleati chiave, come ha dichiarato il segretario di Stato americano Mike Pompeo a Israele a maggio, nel bel mezzo della pandemia di coronavirus. Nel suo ultimo articolo su The Washington Post, intitolato "Non c'è alcun segno che gli Stati Uniti lasceranno presto il Medio Oriente. E questa è una buona cosa ", David Ignatius ha evidenziato chiaramente questo problema.

Quando si tratta di un paese come la Giordania, è importante comprendere il valore del paese all'interno della politica globale, garantendo che un ruolo critico sia il mezzo più stabile per sopravvivere. Storicamente, la Giordania fu fondata come emirato dopo la prima guerra mondiale e poi dopo

La seconda guerra mondiale è stata fondata come un regno. Dagli anni '50 la Giordania è stata allineata con i paesi occidentali e ha svolto un importante ruolo regionale a nome dei principali alleati occidentali, compresi gli Stati Uniti.

I recenti cambiamenti nelle dinamiche politiche globali hanno avuto un impatto sulla Giordania, che è stata economicamente dipendente dai suoi tradizionali alleati ideologici e ha opzioni limitate per l'autosufficienza. Le dinamiche politiche di interesse personale e il pragmatismo economico attribuiscono molta meno importanza al supporto di risorse tradizionalmente strategiche come la Giordania e il crescente spostamento ha creato sfide interne che hanno un bisogno critico di nuovi approcci. Ciò richiede una visione chiara basata su una solida comprensione dei venti mutevoli e del margine di influenza e importanza. È chiaro quando le nuove dinamiche evolvono che sarà più gratificante massimizzare gli interessi comuni con gli alleati tradizionali e rafforzare il ruolo geopolitico della Giordania nella regione.

Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Amer Al Sabaileh

© RIPRODUZIONE RISERVATA