Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Prev Next
A+ A A-

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le sfide in Medio Oriente continuano mentre la regione sembra affrontare una nuova ondata di destabilizzazione da Libano, Siria, Iraq e Cisgiordania.

La crisi politica libanese sembra intensificarsi man mano che la crisi economica si fa più acuta. Ciò sta portando alla riemersione di domande sul concetto di equilibrio politico finemente equilibrato dello stato e sulla sua idoneità allo scopo nel nuovo panorama regionale e globale. Alcuni suggerimenti suggeriscono la necessità di nuovi attori politici e potenziali strutture per far fronte alle sfide poste dall'ambiente post-COVID.

Ciò è messo in particolare attenzione poiché la vicina Siria potrebbe affrontare una nuova fase di escalation con l'attuazione del Caesar Syria Civilian Protection Act, noto come Caesar Act, che probabilmente destabilizzerà e creerà terreno fertile per terrorismo e criminalità attraverso il collasso sociale.

Sull'altro confine del Libano, l'imminente annessione israeliana della Cisgiordania e della Valle del Giordano potrebbe essere un'altra fonte di destabilizzazione, poiché l'Autorità palestinese sembra avere opzioni limitate. Sebbene vi sia un potenziale caos contenuto in quanto il governo israeliano potrebbe non annettere l'intera area per mantenere la porta aperta per un ritorno ai negoziati di pace. In questo contesto regionale, è imperativo che la Giordania rivaluti la sua matrice di rischio, in particolare con la crescente minaccia di una rottura della sicurezza regionale. Poiché la Giordania confina sia con la Siria che con l'Iraq, qualsiasi guasto alla sicurezza in quei paesi avrà serie implicazioni per la sicurezza nazionale giordana.

Nella situazione a Darra, nel sud-ovest della Siria, si è verificata un'escalation dell'attività criminale e terroristica che potrebbe colpire i confini giordani per espandere le loro attività all'interno della Giordania. Sfruttando le difficoltà economiche e le frustrazioni post-COVID che stanno dominando la società giordana. Da parte irachena, le crescenti attività terroristiche potrebbero portare non solo agli attacchi alle frontiere, ma anche alle infiltrazioni per espandere il territorio e la presenza.

Queste sfide alla sicurezza si verificano parallelamente alle sfide economiche e sociali, che aumentano e aumentano solo i rischi. Gli impatti economici negativi sull'economia giordana, comprese le piccole e medie imprese, potrebbero aggiungere una nuova coorte a quelle che hanno partecipato alle precedenti manifestazioni in Giordania. Mentre i mali dei precedenti disordini si sono verificati in una piccola popolazione, i blocchi e il rallentamento dell'economia aumenteranno la pressione su un gruppo più ampio di giordani, la cui capacità di autosostenersi e vivere comodamente è stata compromessa. Ciò crea di nuovo terreno fertile di manifestazioni e proteste sociali che saranno inevitabilmente sfruttate da elementi criminali e terroristici. La regione sembra dirigersi verso una nuova era di insediamenti interconnessi che cambierà il panorama politico. Qualsiasi soluzione alla questione palestinese avrebbe un impatto sulla politica interna giordana che è in stallo, ma la Giordania sembra sempre più improbabile che svolga un ruolo influente in tale risultato, nonostante il potenziale impatto sulla società e sulla politica.

Nonostante questo potenziale impatto, la povertà e le difficoltà economiche possono influenzare le persone in modo più diretto ed essere un motore più forte di protesta e desiderio di cambiamento politico rispetto a qualsiasi impatto di un insediamento palestinese. Questo cambiamento di priorità è il risultato di un lungo periodo di difficoltà economiche che sembrano aver superato posizioni politiche ideologiche.

È fondamentale per la Giordania affrontare le sfide a tre livelli; sicurezza, economica e sociale.

Ciò richiede un approccio multidimensionale alle inclusioni politiche, elezioni che attirano nuovi attori e affrontano la corruzione per sviluppare e attuare riforme economiche che ristrutturano l'approccio allo sviluppo economico, le dinamiche regionali e la cooperazione transfrontaliera per posizionare la Giordania come attore centrale nella ricostruzione di la Regione.

Torna in alto