Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e la politica estera aggressiva di Ankara

STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e l…

Sempre più spesso gli S...

Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Prev Next
A+ A A-

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia per due giorni nessuno potrà uscire di casa per nessun motivo. Il governo turco ha dichiarato lo stato di coprifuoco da mezzanotte e per 48 ore per 31 province e 30 città in cui si sono registrati numerosi casi di Covid 19. Poco dopo l’annuncio del ministro degli interni, a Istanbul si è scatenato il panico e la gente è scesa in strada per correre a comprare cibo e beni di prima necessità.

Centinaia di persone che non hanno tenuto le distanze di sicurezza sanitaria e che sono diventate una buona opportunità di diffusione del Corona virus a loro volta. Questa condotta, che del resto si è registrata anche in altri contesti, ha creato una situazione ingestibile rispetto alla sicurezza sanitaria pubblica. Il governo non è riuscito a bloccare la gente che cercava di accaparrarsi il cibo, uno schema già conosciuto. Un effetto incontenibile e prevedibile rispetto alla notizia di non poter uscire di casa per tutto il fine settimana.

Questo provvedimento è stato il primo nel suo genere da parte del governo, infatti fino a pochi giorni fa le fonti governative parlavano di pochi casi, prontamente isolati dalle autorità sanitarie. Ma la situazione non era così lineare. Alcune notizie sulla vera situazione erano filtrate, prontamente smentite dal governo. Solo dopo, quando non si poteva negare l’innegabile, si è mostrata la reale situazione del paese: sono moltissimo i focolai esistenti e dato ancora più preoccupante il fatto che siano distribuiti in modo uniforme in tutto il territorio nazionale.

Secondo le ultime stime le persone decedute sono 1.006; quelle contagiate sono 47.029, e i test effettuati da quando è iniziata l’emergenza sono 307.210, inoltre il 59,5 delle unità di terapia intensiva sono occupate. Finora non erano state prese misure drastiche anche e soprattutto, per non bloccare il sistema produttivo. Il blocco avrebbe condotto al collasso il sistema economico turco, già durante provato dalle politiche economiche governative. Le conseguenze sarebbero gravissime dal punto di vista delle ripercussioni sociali.

In un momento in cui il potere del potere del presidente Erdogan è già sotto attacco sia a livello interno che internazionale, non si può permettere ulteriori problemi di sicurezza interna. Da più parti si teme che Erdogan utilizzerà a proprio vantaggio l’emergenza sanitaria per liberarsi delle opposizioni interne. Sono già scattati i primi arresti di persone che avevano messo in dubbio le cifre del contagio, e che in qualche modo si sono opposte al regime. Come in molte altre occasioni le piattaforme web che consentono la diffusione delle notizie come Facebook e Twitter sono costantemente monitorate o chiuse per evitare una propagazione di notizie contrarie al regime. Vedremo nei prossimi giorni che cosa accadrà sia sul fronte Covid 19, sia in riferimento alla lotta governativa alle voci del dissenso.

Emanuela Locci

Fonte: https://www.groi.eu/Vpf93

Torna in alto